www.dolcepiemonte.com

domenica 4 agosto 2013

L'AUTO A BENZINA DIVENTA ELETTRICA

Avete capito bene, la tecnologia per trasformare proprio la vostra auto inquinante a benzina in un'ecologica auto elettrica è quasi disponibile.
L'idea è frutto di un gruppo di impiantisti, elettricisti e elettrauti della Confartigianato trevigiana con la collaborazione di alcuni poli universitari.

Uno studio di 2 anni per realizzare un progetto di un kit per trasformare in versione ecologica le vecchie autovetture a un costo di trasformazione molto più basso rispetto all'acquisto di una nuova auto elettrica.

Parliamo di un kit professionale e collaudato, non una semplice applicazione amatoriale che si possono facilmente trovare anche su www.youtube.com .

"Per arrivare al risultato finale -
spiega Severino Dal Bo, presidente degli autoriparatori di Confartigianato Veneto - sono stati costruiti dei complessi software che incrociano i dati del motore con quelli di cavi, velocità, potenze e via dicendo, ed è stato realizzato anche un programma al Cad che ha il compito di disegnare fin nel più piccolo particolare i pezzi che vanno usati per fare questa trasformazione".

Al progetto però mancano ancora le autorizzazioni per l'omologazione che in Italia sappiamo essere un nodo difficile da sciogliere anche per le resistenza del mercato dei carburanti e delle auto tradizionali. Speriamo che tutto vada bene e che il kit per la trasformazione di auto a benzina in auto elettriche possa essere presto commercializzato.

L'interessante progetto potrà essere anche un volano per l'economia locale in senso ecologico. Come già ricordato nel nostro blog http://ecologia-natura.blogspot.it le auto elettriche però al momento mettono un freno all'inquinamento dell'aria in città, ma non risolvono il problema ambientale del consumo energetico se l'elettricità per ricaricarle deriva da fonti fossili. Diverso e molto interessante è l'utilizzo di pensiline solari coperte da pannelli fotovoltaici  per la ricarica di queste auto, in questo caso il beneficio per la natura e per l'ecologia è molto evidente e potrà rappresentare una vera alternativa sostenibile per la mobilità del futuro.