www.dolcepiemonte.com

martedì 21 giugno 2011

CASA PASSIVA

La casa passiva (passivhaus secondo il termine originale di lingua tedesca, passive house in lingua inglese) è un'abitazione che assicura il benessere termico senza alcun impianto di riscaldamento "convenzionale", ossia caldaia e termosifoni o sistemi analoghi. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore generato internamente all'edificio da elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda. Questo tipo di costruzioni viene generalmente realizzato con legno 
strutturale, che è un isolante naturale.

 

L'energia necessaria a pareggiare il bilancio termico dell'edificio è tipicamente fornita con sistemi non convenzionali (es. pannelli solari o pompa di calore per riscaldare l'aria dell'impianto di ventilazione controllata a recupero energetico). L'impianto di riscaldamento convenzionale si può eliminare se il fabbisogno energetico della casa è molto basso, convenzionalmente inferiore a 15 kWh al m² anno. Queste prestazioni si ottengono con una progettazione molto attenta, specie nei riguardi del sole, con l'adozione di isolamento termico ad altissime prestazioni su murature perimetrali, tetto e superfici vetrate e mediante l'adozione di sistemi di ventilazione controllata a recupero energetico. 

Il concetto di casa passiva è nato nel maggio del 1998 dalla collaborazione tra Bo Adamson dell´univeritá svedese di Lund University, e il tedesco Wolfgang Dott. Feist. Il loro concetto fu sviluppato attraverso una serie di progetti di ricerca finanziati in parte dal land tedesco Hessen.



 

La prima casa passiva in Germania é stata costruita nel 1991 a Darmstadt-Kranichstein dal Dr. Wolfgang Feist. Il fabbisogno energetico delle 4 villette a schiera ammonta in media a 10 kWh/m2a e si mantiene stabile da 15 anni. La prima casa passiva tedesca pluri-famigliare si trova a Friburgo (1999). Seguirono un complesso residenziale di 21 case a Wiesbaden, 32 case Hannover-Kronsberg e 52 case a Stoccarda . Tra gli anni 1999-2001 sono state costruite attraverso il CEPHEUS ulteriori 221 complessi in 14 localita´ nei 5 Stati dell´Unione Europea: Germania, Svezia, Francia, Svizzera ed Austria). Tutte le costruzione furono controllate e le misurazioni rispettarono pienamente le aspettative.

In questo momento la piu´ grossa costruzione passiva (tedesca) si trova ad Ulm e si chiama Energon (2002). La prima casa passiva degli Stati Uniti é stata costruita nel 2006 in Bemidji, Minnesota per il programma "Deutsch-als-Fremdsprache-Programm Waldsee" . Il progetto in Waldsse e stato possibile grazie all´aiuto della fondazione tedesca per l´ambiente e finanziato da diverse imprese tedesche.

In Italia, il primo edificio pubblico in target casa passiva é l´Expost a Bolzano progettato dal arch. Michael Tribus nel 2004. Si tratta dell´adeguamento dell’ex edificio postale in sede per gli uffici della Provincia Autonoma di Bolzano. L´edificio ha una cubatura di circa 20.000 m³ ed il consumo é di 7 kWh/m².a che corrisponde a meno di un litro di olio combustibile per metro quadrato annuo.


tratto da: wikipedia

Nessun commento:

Posta un commento