sabato 31 agosto 2019

Greta Thunberg: abbiamo bisogno di un "piano concreto" per il clima, non di belle parole

La pressione senza precedenti esercitata dai giovani attivisti spingerà i leader mondiali ad affrontare la crisi climatica in atto, anche da parte di un recalcitrante Donald Trump, ha detto al Guardian Greta Thunberg.



Thunberg, l'adolescente i cui scioperi climatici nelle scuole hanno innescato un movimento globale guidato dai giovani, ha affermato che il suo viaggio a New York su uno yacht a energia solare è stato il simbolo delle difficoltà che i giovani dovranno affrontare per affrontare la crisi climatica.

Ha detto: "È folle che una sedicenne debba attraversare l'Atlantico per prendere una posizione, ma è così. I leader sanno che più occhi su di loro, molta più pressione su di loro, che devono fare qualcosa, devono trovare una sorta di soluzione. Voglio un piano concreto, non solo belle parole. "

La barca di Thunberg è emersa dalla nebbia di una giornata insolitamente piovigginosa, accolta da una folla di sostenitori e media in un porto turistico vicino alla punta meridionale di Manhattan, mercoledì 28 di agosto. Il suo arrivo è stato accolto da una flottiglia di 17 barche a vela,  che hanno intercettato la sua barca vicino alla Statua della Libertà.

I sostenitori hanno cantato "benvenuta Greta" quando l'adolescente svedese è scesa dallo yacht, ha stretto alcune mani tese e ha detto che sembrava che il terreno stesse tremando sotto i suoi piedi.

Thunberg ha detto al Guardian: "È così travolgente. Sono passata dal nulla, tranne me e l'oceano, a questo. "

Nonostante l'adulazione da parte della folla, Thunberg ha affermato di non apprezzare il fatto di essere stata la figura di riferimento globale del movimento per il clima.

Ha detto: “Il mio ruolo è quello di essere uno dei tanti, molti attivisti che spingono l'azione per il clima. Non mi vedo come un leader, un'icona o il volto di un movimento ".

giovedì 29 agosto 2019

Il gas naturale potrebbe essere la prossima grande risorsa delle energie rinnovabili?

Per decenni, i sistemi di biogas su piccola scala hanno raccolto metano da discariche, impianti di depurazione e fattorie. Ora, in Europa e negli Stati Uniti, la crescita di questa forma rinnovabile di gas naturale sta decollando mentre le aziende catturano grandi quantità di metano da letame, rifiuti alimentari e altre fonti. Un'ottima notizia per l'ecologia e per la natura.



Nelle prossime settimane, le squadre di costruzione inizieranno a costruire un digestore anaerobico nella Goodrich Family Farm nel Vermont occidentale che trasformerà il letame di vacca e gli scarti alimentari di provenienza locale in gas naturale rinnovabile (RNG), da inviare via gasdotto al vicino Middlebury College e altri clienti disposti a pagare un premio per l'energia a basse emissioni di carbonio.

Per lo sviluppatore, Vanguard Renewables, il progetto rappresenta sia una partenza che una scommessa strategica. La società possiede già e gestisce cinque sistemi di biogas basati su farm in Massachusetts; ciascuno genera elettricità sul posto che viene inviata alla rete e venduta in base alla legge statale di misurazione della rete. Il progetto Vermont, tuttavia, è la prima incursione di Vanguard nella produzione di RNG - biogas che viene raffinato, iniettato nei gasdotti come metano quasi puro e quindi bruciato per produrre elettricità, riscaldare le case o alimentare i veicoli.



"La produzione di RNG per l'iniezione di gasdotti e il rifornimento di veicoli è l'evoluzione di dove tutto sta andando" nel settore del biogas, afferma John Hanselman, CEO di Vanguard.

Il biogas esiste da molto tempo negli Stati Uniti, principalmente sotto forma di sistemi rudimentali che catturano il metano dalle discariche e dagli impianti di trattamento delle acque reflue e lo usano per produrre piccole quantità di elettricità o invecchiano i digestori nelle operazioni lattiero-casearie che potrebbero alimentare un fattoria locale e inviare un po 'di energia in più alla rete. Ma quelli stanno rapidamente diventando obsoleti e prodotti da una nuova ondata di progetti di gas naturale rinnovabile su larga scala che stanno sorgendo in tutto il paese. Queste imprese stanno attingendo a fonti di energia non sfruttate finora: alcune stanno catturando le enormi quantità di metano generato dal letame da alcune delle 2.300 fattorie di maiale che punteggiano la Carolina del Nord orientale; alcuni stanno costruendo biodigestori per trasformare gruppi di grandi caseifici californiani in centri energetici; e alcuni stanno cercando di deviare i rifiuti alimentari dalle discariche e trasformarli in veicoli e combustibili per riscaldamento.

I sistemi di biogas potrebbero produrre abbastanza energia rinnovabile per alimentare 3 milioni di case negli Stati Uniti
Il gas naturale rinnovabile sta raggiungendo un punto di non ritorno per diversi motivi: un numero crescente di operatori di terze parti come Vanguard sta sollevando gli agricoltori e le discariche dall'onere di gestire i propri sistemi energetici e stanno introducendo tecnologie più sofisticate per catturare il metano e pomparlo direttamente nel oleodotti. Alcuni stati, compresa la California, stanno approvando leggi che richiedono lo sviluppo di gas naturale rinnovabile. E i servizi pubblici in tutto il paese stanno iniziando a supportare queste nuove iniziative, come dimostra la nuova partnership tra Dominion Energy e Smithfield Farms - il più grande produttore mondiale di carne di maiale - per sviluppare nuovi progetti di biogas da rifiuti di maiale. Per i sostenitori, l'obiettivo finale è quello di sostituire una parte significativa del gas naturale derivato dai fossili che fluisce attraverso le condutture degli Stati Uniti con metano puro generato da rifiuti umani e rifiuti animali e agricoli.

"Se riesci a recuperare energia prima di inviare ciò che rimane nel suolo, è una cosa grandiosa", ha dichiarato Nora Goldstein, redattore di lunga data della rivista BioCycle, che ha coperto per decenni il riciclaggio dei prodotti organici e le industrie della digestione anaerobica. "Guardi tutti questi vantaggi e dici:" Perché non ci sono più persone che lo fanno? "La chiave è che devi farlo correttamente."

Il potenziale non sfruttato - in particolare dei miliardi di galloni di letame animale e milioni di tonnellate di rifiuti alimentari generati ogni anno negli Stati Uniti - è immenso. Secondo un rapporto del 2014 "Biogas Opportunities Roadmap" prodotto dalla US Environmental Protection Agency, dal Dipartimento dell'Agricoltura e dal Dipartimento dell'Energia, gli Stati Uniti potrebbero supportare almeno 13.000 impianti di biogas, alimentati da letame, gas di discarica e biosolidi dalle acque reflue impianti di trattamento. Questi nuovi sistemi potrebbero produrre 654 miliardi di piedi cubi di biogas all'anno - abbastanza energia rinnovabile per alimentare 3 milioni di case. E uno studio del World Resources Institute ha stimato che i 50 milioni di tonnellate di rifiuti organici inviati in discarica o inceneriti ogni anno negli Stati Uniti hanno il contenuto energetico di 6 miliardi di galloni di gasolio, il 15 percento di tutto il diesel consumato da camion pesanti e autobus.

Gli esperti affermano che il crescente utilizzo del biogas potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas a effetto serra provenienti da alcuni dei settori più difficili da decarbonizzare - trasporti, industria e riscaldamento degli edifici - anche se riduce le emissioni di metano intrappolanti il ​​calore, mantiene i rifiuti organici fuori dalle discariche e previene deflusso di letame nei fiumi e riserve d'acqua. Attraverso la digestione anaerobica, il biogas può essere prodotto da qualsiasi materiale organico: avanzi di cibo, residui agricoli, persino i fanghi lasciati dalla birra. Questi materiali vengono alimentati come una sospensione nei serbatoi dove i microbi si nutrono di loro in assenza di ossigeno, distruggendo i patogeni, producendo metano e altri gas e lasciando un fertilizzante ricco di nutrienti come sottoprodotto.

Nel campo del gas naturale rinnovabile, gli Stati Uniti stanno giocando al passo con l'Europa, che ha più di 17.400 impianti di biogas e rappresenta i due terzi dei 15 gigawatt di capacità elettrica del mondo. La sola Danimarca, un paese di 5,8 milioni di persone, ha oltre 160 sistemi di biogas. Per un periodo la scorsa estate, il 18 percento del gas consumato in Danimarca proveniva dal GNR prodotto dai suoi digestori anaerobici. Con il loro successo, le aziende danesi nel settore delle bioenergie stimano che sarà possibile sostituire completamente il gas naturale del paese con gas naturale rinnovabile entro 20 anni.

L'ex responsabile dei programmi di digestione anaerobica dell'EPA, Chris Voell, è stato così colpito dalle operazioni danesi sul biogas - che sono altamente progettate per digerire un mix di scarti alimentari domestici, residui di aziende di trasformazione alimentare e letame di bestiame - che ora lavora per il Il Danish Trade Council introdurrà la tecnologia digestiva danese e i modelli di business nel mercato statunitense.

Come per la maggior parte delle iniziative sul clima, la California sta conducendo gli sforzi per il biogas negli Stati Uniti. Lo standard Low Fuel Fuel Standard (LCFS) dello stato - che fornisce incentivi ai produttori di carburanti per aumentare la quantità di carburanti a basse emissioni di carbonio o rinnovabili che forniscono e vendono - è un componente chiave dell'ambizioso piano climatico dello stato e ha catalizzato la rapida crescita di un nuovo e redditizio mercato per il GNN come carburante per veicoli.

Un crescente raccolto di ditte specializzate costruisce, possiede e gestisce digestori anaerobici negli Stati Uniti
Aziende come Maas Energy Works e California Bioenergy hanno risposto a questi incentivi installando rapidamente digestori nelle caseifici della California. Finora Maas ne ha costruite 17, con altre 12 in costruzione e altre 32 in sviluppo, secondo il suo sito web. Entrambe le società stanno correndo per sfruttare preziosi incentivi LCFS.

Ed entrambi sono tra le colture specializzate di aziende specializzate e sostenute dagli investitori che costruiscono, possiedono e gestiscono digestori anaerobici negli Stati Uniti. "Con ogni giorno l'industria sta guadagnando più credibilità", afferma Voell. "Stiamo assistendo a società di terze parti più professionali. E per vedere questa scala, ci vogliono quei professionisti per entrare e costruire 10, 20, 50 progetti e accedere a molti investitori azionari. Vogliono un portafoglio di progetti su cui investire, non solo uno ”.

Nella Carolina del Nord, l'abbondante materia prima è il letame di maiale. E l'ultimo concorrente della gara RNG è Smithfield, il più grande coltivatore mondiale di maiali. La Carolina del Nord è il secondo stato per produzione di carne di maiale (dopo lo Iowa). Ogni giorno, oltre 2.000 delle sue fattorie di suini scaricano letame da 9 milioni di maiali in vaste lagune, che emettono quantità altrettanto enormi di metano. Il 90% di quelle aziende agricole è coltivatore a contratto per Smithfield.

Alla fine dell'anno scorso, Smithfield ha lanciato una joint venture, Align RNG, con un'utilità con sede in Virginia, Dominion Energy, per investire $ 250 milioni nella copertura di lagune e nell'installazione di digestori anaerobici in quasi tutte le sue fattorie di finitura del maiale nella Carolina del Nord, nello Utah e nel Missouri nei prossimi 10 anni. Sono già in corso lavori di costruzione su quattro progetti che produrranno abbastanza RNG per alimentare 14.000 case e aziende.

Questi sistemi saranno tutti modellati su Optima KV, un progetto di biogas a Kenansville, nella Carolina del Nord, nel cuore del paese dei maiali. L'anno scorso, Optima KV è diventato il primo progetto nello stato a produrre e iniettare RNG in un gasdotto esistente.

I fattori che hanno reso possibile Optima KV - insieme ai rifiuti di 60.000 suini in cinque fattorie vicine e un sistema centralizzato per la pulizia e l'upgrade del gas - includono una legge standard del portafoglio di energie rinnovabili firmata nel 2007. Tale legge conteneva un requisito che i servizi pubblici fonte di almeno lo 0,2 per cento della loro elettricità dai rifiuti di suini e pollame entro il 2020. Tale mandato ha contribuito a spingere Duke Energy, una delle più grandi utility negli Stati Uniti, a firmare un accordo di 15 anni per l'acquisto di 80.000 milioni di BTU di RNG da Optima KV. Quel biogas sostituirà direttamente l'uso di gas naturale fossile e genererà 11.000 megawattora di energia in due centrali elettriche di Duke.

La nuova operazione di Vanguard nel Vermont rappresenta un modello alternativo per aumentare la produzione di gas naturale. I digestori della società sono più complessi e costosi, progettati per produrre una produzione costante di gas anche quando cambiano le materie prime e altre condizioni rispetto ai sistemi in costruzione in California. I sistemi della California in sostanza coprono enormi lagune di rifiuti di latte con membrane di plastica e quindi estraggono, raffinano e convogliano il gas ai clienti.

"Adottiamo un approccio più tecnologico principalmente perché dobbiamo produrre molto più gas da un ingombro molto ridotto", afferma Hanselman. "Non abbiamo il lusso di un caseificio di 10.000 vacche."

L'RNG è fiorito in Europa a causa dei generosi programmi di sussidi che mancano negli Stati Uniti
Insieme al flusso giornaliero di 100 tonnellate di letame dalle 900 mucche della fattoria Goodrich e 165 tonnellate di rifiuti alimentari, una serie di fattori si sono uniti per rendere possibile il progetto Vermont di Vanguard. Nel Middlebury College, Vanguard ha trovato un grande cliente desideroso di ridurre la sua impronta di carbonio. Una nuova legge che entrerà in vigore nel Vermont vieterà gli sprechi alimentari dalle discariche a partire dal 2020, costringendo i negozi di alimentari e i trasformatori alimentari a trovare nuovi posti per inviare i loro rifiuti.

E Goodrich Farm otterrà calore gratuito, pagamenti mensili di leasing per l'hosting del sistema e lettiere per le sue mucche dai solidi digeriti rimanenti - risparmi sui costi che possono offrire una linfa vitale per i produttori di latte in un periodo di prezzi del latte disastrosamente bassi.

Hanselman, CEO di Vanguard, afferma che un elemento chiave per espandere il RNG è l'onere della gestione del sistema dagli agricoltori. Hanselman ha incontrato molti agricoltori irati che avevano avuto esperienze negative con una precedente generazione di digestori che erano stati venduti a loro come una soluzione a basso costo e bassa manutenzione ai loro problemi di gestione dei nutrienti. In effetti, i digestori sono macchine difficili, sensibili alle variazioni di temperatura e alla variabilità del materiale organico nelle materie prime. Hanselman afferma: "Diciamo ai nostri agricoltori:" Il tuo compito è produrre latte, mucche sane e prendersi cura dei tuoi campi e dei tuoi terreni. Facciamo funzionare queste macchine. ""

L'RNG è fiorito in Europa in parte grazie a generosi programmi di sussidi; tali politiche globali mancano a livello federale negli Stati Uniti, che ha un caotico patchwork di mercati regionali e statali, servizi pubblici, incentivi e politiche. Ma Hanselman e altri prevedono che nei prossimi anni un numero maggiore di Stati imporrà la produzione di gas naturale rinnovabile, rafforzando ulteriormente il nascente mercato del biogas.

"Sembra estremamente simile al solare", afferma Hanselman, che gestiva un'azienda solare. “Siamo agli inizi di RNG. Ognuno correrà da un programma all'altro cercando di capire quali stati sono vantaggiosi e come ottenere nel modo migliore RNG sul mercato ”.

Le sole forze di mercato, tuttavia, non saranno sufficienti per inaugurare una rivoluzione del biogas. L'unica politica che potrebbe sovraccaricare la crescita del biogas e del GNL negli Stati Uniti, concordano molti osservatori e addetti ai lavori del settore, è un prezzo legalmente federato sul carbonio. Ma dato che una tassa sul carbonio o un disegno di legge globale sul clima non sono suscettibili di emergere presto sotto l'attuale amministrazione, Hanselman afferma che la prossima cosa migliore che il governo federale potrebbe fare è ripristinare il credito d'imposta sugli investimenti per i sistemi di digestione, che è scaduto nel 2016.

Nonostante queste sfide, Voell pensa che ci sia abbastanza slancio per vedere finalmente il biogas ottenere una trazione diffusa come fonte di energia rinnovabile negli Stati Uniti.

"Ora sono più incoraggiato che mai, perché in realtà sto vedendo alcuni progetti in fase di realizzazione", afferma. “Gli stati stanno intensificando le politiche. E stiamo assistendo a una rivoluzione ora in cui le utility del gas stanno arrivando a bordo. Le utility esercitano molta potenza. Se decidono che RNG è qualcosa di cui vorrebbero vedere di più, allora inizieremo a vedere l'ago muoversi di più sul fronte della politica ".

mercoledì 28 agosto 2019

Energia di evaporazione: la prossima grande fonte di energia?

Avete mai sentito parlare del processo di evaporazione del ciclo dell'acqua?

 I recenti sviluppi nel campo delle fonte rinnovabile hanno considerato l'energia di evaporazione la prossima grande fonte di energia rinnovabile sulla terra nel prossimo futuro.



In effetti, gli scienziati hanno sviluppato due dispositivi unici, un motore rotativo che alimenta un'auto in miniatura e un motore flottante a pistoni, che derivano la loro potenza esclusivamente dall'evaporazione. Questi dispositivi dimostrano che l'uso su larga scala dell'energia di evaporazione per generare elettricità non è troppo lontano.

Toccando energia di evaporazione

Come è possibile intrappolare l'energia di evaporazione, considerando che è invisibile e scompare subito?
Alcuni ricercatori hanno scoperto alcune spore batteriche che si gonfiano e si restringono con livelli di umidità variabili. In questo modo, possono tirare o spingere oggetti in modo efficace. Il movimento, così prodotto, si trasforma in energia elettrica utilizzabile.

Il primo dispositivo che ha utilizzato questo principio è un motore flottante a pistoni che viene fornito con queste spore batteriche attaccate su entrambi i lati di un nastro di plastica. Mentre le spore si restringono (se esposte all'aria secca), restringono il nastro. D'altra parte, l'aria umida espande le spore e quindi estende il nastro nel processo. Questa contrazione e il movimento di espansione ripetuti creano un muscolo artificiale che possiamo controllare variando i livelli di umidità.

I ricercatori hanno quindi posizionato dozzine di nastri simili rivestiti di spore fianco a fianco. Ciò ha creato un muscolo artificiale piuttosto forte collocato all'interno di una custodia galleggiante di plastica con persiane nella parte superiore. Il cambiamento del livello di umidità provoca l'allungamento e la contrazione del muscolo, aprendo e chiudendo rispettivamente le persiane, creando così un ciclo autosufficiente.

Questo ciclo a sua volta, ha generato abbastanza elettricità per alimentare piccoli sensori o luci galleggianti sul fondo dell'oceano. Il team di ricercatori afferma che una versione su larga scala della stessa configurazione può effettivamente generare più elettricità per unità di area rispetto a un parco eolico.

Gli scienziati ritengono inoltre che sarebbe possibile progettare motori che sarebbero alimentati dall'energia meccanica immagazzinata in queste spore. L'energia così prodotta può persino alimentare un veicolo di dimensioni standard.

Gli scienziati hanno escogitato un modo per utilizzare l'energia di evaporazione per produrre elettricità. Due prototipi di successo utilizzano spore batteriche per generare elettricità a sufficienza per piccoli LED e sensori. Gli scienziati ritengono che un progetto su larga scala secondo lo stesso principio possa generare abbastanza elettricità per alimentare anche veicoli di dimensioni standard.


martedì 27 agosto 2019

In Germania i consumatori scelgono le batterie domestiche e il fotovoltaico

Un numero crescente di proprietari di case in Germania sta installando batterie per immagazzinare energia solare dal fotovoltaico. Mentre i prezzi per i sistemi di accumulo dell'energia calano, stanno adottando una visione ecologica: un pannello solare su ogni tetto, un veicolo elettrico in ogni garage e una batteria in ogni seminterrato.



Stefan Paris è un radiologo di 55 anni che vive nella periferia di Berlino. Lui, la sua compagna e la loro figlia di tre anni condividono una casa accogliente a due piani con una piscina. Le Parise, che aspettano un secondo figlio, non sono né i ricchi né i braccianti ambientali. Eppure la coppia ha scelto di spendere $ 36.000 per un sistema solare domestico composto da 26 pannelli solari, appena installati sul tetto questo mese, e una batteria intelligente - delle dimensioni di un piccolo frigorifero - parcheggiata in cantina.

Nei giorni di sole, i pannelli fotovoltaici forniscono tutto il fabbisogno di elettricità della famiglia parigina e caricano anche la batteria elettrica della loro auto ibrida. Una volta coperte queste nozioni di base, l'energia generata sul tetto alimenta la batteria stazionaria fino a quando non è completamente carica per la domanda di energia notturna e i giorni nuvolosi. Quindi, quando la batteria viene ricaricata, il sistema di controllo digitale dell'unità reindirizza automaticamente l'eventuale energia in eccesso nella rete elettrica di Berlino, per la quale le Parise verranno compensate dal gestore della rete locale.

"Mi hanno convinto che sarebbe stato ripagato in dieci anni", spiega Parigi, riferendosi a Enerix, un rivenditore con sede in Baviera che offre sistemi solari e servizi di installazione. "Dopodiché, la maggior parte della nostra elettricità non ci costerà nulla." L'investimento, dice, è una copertura contro l'aumento dei costi energetici. Inoltre, il software intelligente dell'unità consente a Parises di monitorare la produzione, il consumo e lo stoccaggio di elettricità, nonché di monitorare in tempo reale l'immissione di energia nella rete.



Uno su due ordini per pannelli solari sul tetto in Germania è ora venduto con un sistema di accumulo della batteria.
Le Parise sono una delle oltre 120.000 famiglie tedesche e proprietari di piccole imprese - e circa 1 milione di persone in tutto il mondo - che hanno scavato nelle loro tasche per investire in unità solari con accumulo di batterie da quando sono comparsi sul mercato sistemi a basso costo per cinque anni fa. "Nessuno si aspettava questo tipo di crescita, così in fretta", afferma Kai-Philipp Kairies, esperto di sistemi di generazione e stoccaggio dell'energia presso la RWTH Aachen University nella Germania occidentale.

Oggi, uno su due ordini per pannelli solari sul tetto in Germania viene venduto con un sistema di accumulo della batteria. La società di arredamento per la casa Ikea offre anche pacchetti solari installati che includono capacità di stoccaggio. I prezzi della batteria sono crollati in modo così drammatico che la banca di sviluppo tedesca ha ora grattato gli sconti sulla batteria - che coprono circa il 30 percento del costo - che ha offerto dal 2013 al 2018.

A dire il vero, 120.000 famiglie e piccole imprese rappresentano solo una piccola parte degli 81 milioni di persone tedesche. Ma gli analisti affermano che questa recente crescita dimostra il forte richiamo di una visione ecologica per il futuro: una schiera solare su ogni tetto, un veicolo elettrico in ogni garage e una batteria in ogni seminterrato. Gli analisti vedono l'abbraccio delle batterie domestiche come un passo importante verso un futuro in cui le economie a basse emissioni di carbonio si basano su forniture di energia rinnovabile sempre più decentralizzate e fluttuanti. Fino ad oggi, lo stoccaggio di energia elettrica è rimasto molto indietro rispetto ai progressi nell'energia solare, ma man mano che le batterie diventano più economiche e più potenti, immagazzineranno sempre più la produzione irregolare di energia eolica e solare, contribuendo al tipo di flessibilità che una fonte dipendente dalle condizioni meteorologiche richiederà .

La crescente popolarità dei pannelli solari e dei sistemi di batterie, trainata da un calo dei prezzi delle batterie agli ioni di litio, ha gettato un'ancora di salvezza nel settore solare moribondo della Germania, che è in calo negli ultimi anni, in parte a causa della produzione a basso costo di pannelli solari in Cina. Il progressivo declino delle tariffe di immissione - remunerazione garantita per i consumatori che forniscono energia alla rete - ha portato anche a un forte calo della distribuzione dell'energia solare.

Ma contro ogni previsione, aziende come Enerix, Sonnen e Solarwatt sono tornate in piedi grazie ai sistemi di accumulo dell'energia domestica. Nel 2012, Enerix ha dovuto chiudere otto delle sue 15 affiliate in Germania e Austria. Ma dal boom della batteria, ha riaperto vecchi negozi e ne ha aperti di nuovi, oggi vanta 54 punti vendita che vendono pannelli, batterie e sistemi di ottimizzazione energetica. La Germania ora ha circa 44 produttori di sistemi di accumulo di energia domestica. I tedeschi hanno installato array di pannelli solari su oltre 1 milione di edifici, ma la maggior parte di essi mancava di unità di stoccaggio. Ora, un numero crescente di quei proprietari di case acquista batterie. Le unità di stoccaggio elettriche tedesche vengono vendute anche in Francia, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi e Spagna, nonché in Australia e Corea del Sud.

Il prezzo di un sistema di archiviazione domestico dipende dalle dimensioni della casa o dell'azienda, dalle esigenze energetiche del proprietario, dall'accesso dell'edificio al sole e dalla qualità dei pannelli, delle batterie e dei sistemi di gestione. Per una piccola casa con solo 20 pannelli, ci si può aspettare di pagare da $ 8.000 a $ 11.000 per l'array fotovoltaico e all'incirca lo stesso importo per la batteria e l'inverter DC / AC. Le più grandi batterie domestiche costano circa $ 34.000. E per un extra di $ 500, i dispositivi avanzati collegano il sistema agli elettrodomestici e ottimizzano il consumo di energia, oltre a regolare l'immissione in rete. Con tale tecnologia di punta e molta luce solare, un proprietario potrebbe risparmiare fino all'80 percento sulle bollette dell'elettricità, secondo Solarwatt, un apparecchio con sede a Dresda che produce tecnologia intelligente.

Ma l'economia della conservazione della batteria non è l'unica, o anche la principale, motivazione della maggior parte degli acquirenti di sistemi di batterie, afferma Matthias Schulnick di Enerix Berlin. "Sempre più persone vogliono essere indipendenti dalle società elettriche e dall'aumento dei prezzi", afferma. "E vogliono un'impronta ecologica, per fare qualcosa per il futuro."

"Sempre più persone vogliono essere indipendenti dalle società elettriche e dall'aumento dei prezzi", afferma un dirigente.
In Germania, in pochi anni, le unità di archiviazione domestica si sono trasformate da un bizzarro prodotto di nicchia per i nerd della tecnologia e gli elettori del Green Party a uno con un enorme potenziale mainstream. La società di consulenza McKinsey prevede che il costo dei sistemi di accumulo dell'energia scenderà dal 50 al 70 percento a livello globale entro il 2025 "a seguito di progressi nella progettazione, economie di scala e processi semplificati".

I segni dell'esplosione di interesse sono ovunque: all'inizio di questo mese, la compagnia petrolifera britannico-olandese Royal Dutch Shell ha acquistato Sonnen, il principale produttore tedesco di batterie per la casa. Il gigante tedesco delle utility E.ON è un passo avanti rispetto a Shell, avendo collaborato con Solarwatt nel 2016 per vendere unità solari e batterie combinate.

L'Energy Storage Association, un gruppo commerciale con sede negli Stati Uniti, prevede che la capacità di accumulo dell'energia aumenterà di otto volte dal 2015 al 2020, diventando un mercato da $ 2,5 miliardi. Bloomberg New Energy Finance prevede che entro 20 anni il mercato globale dello stoccaggio dell'energia, di cui lo stoccaggio domestico è solo una parte, avrà attirato investimenti per 620 miliardi di dollari.

In California, a partire dal 2020, tutti gli edifici residenziali di nuova costruzione devono essere dotati di pannelli solari. I proprietari di questi edifici daranno sicuramente uno sguardo duro ai sistemi di batterie con la caduta dei prezzi. L'aggiunta di batterie domestiche diventa particolarmente interessante per i consumatori che possiedono veicoli elettrici.

L'aspetto negativo del bonus della batteria, spiega Kairies, è che "nelle condizioni odierne ci vogliono circa un decennio per pagare la batteria dai risparmi sulle bollette energetiche. Ma la maggior parte della durata di queste batterie oggi non è molto più di 10 anni, al massimo 15 anni. Quindi devi comprarne uno nuovo. "

Il boom in corso è in gran parte una conseguenza di spettacolari progressi nelle prestazioni delle batterie agli ioni di litio - il tipo standard di batteria presente nella maggior parte dei veicoli elettrici e dei telefoni cellulari. In condizioni di laboratorio, i tecnici - che stavano lavorando per migliorare le batterie dei veicoli elettrici, non le unità di stoccaggio domestiche - hanno aumentato la densità della batteria agli ioni di litio modificando i conduttori e i prodotti chimici, raddoppiando la capacità di stoccaggio. Questo ha inviato il prezzo dello stoccaggio, misurato per wattora, precipitando della metà. Anche i pannelli solari sono più economici che mai, anche se il loro declino dei prezzi lungo decenni si è stabilizzato.

"Per raggiungere gli obiettivi di Parigi abbiamo bisogno di 10 milioni di [batterie domestiche] solo in Germania", afferma un ricercatore.
Gli esperti differiscono ampiamente sul futuro delle tecnologie di stoccaggio a batteria e sulle implicazioni per la generazione di energia decentralizzata. Alcuni, come Julia Poliscanova del gruppo di sorveglianza Transport and Environment con sede a Bruxelles, sostengono che gli ioni di litio rimarranno il tipo di batteria adatto per il prossimo futuro. L'emergere di batterie EV riciclate, che hanno una capacità insufficiente per le auto ma sufficiente per le esigenze domestiche, ridurrebbe i costi ancora di più, garantendo al contempo una seconda e una terza vita alle batterie agli ioni di litio.

Altri, come Stefano Passerini, direttore dell'Helmholtz Institute di Ulm, un centro di ricerca sulle batterie in Germania, affermano che la prossima generazione di stoccaggio su piccola scala saranno batterie agli ioni di sodio che, a differenza delle batterie al litio, non richiedono il cobalto, un elemento chimico estratto che è sempre più difficile da trovare. "Dal momento che le batterie domestiche possono essere più grandi delle batterie EV, dovremmo conservare il cobalto disponibile per le auto e procedere in modo diverso con l'archiviazione domestica", afferma. Il pioniere dell'energia pulita EWS Schönau sta sviluppando batterie ecocompatibili, come batterie per acqua salata in gran parte riciclabili che non contengono né metalli pesanti cancerogeni né minerali scarsi.

Indipendentemente dal tipo di batteria, le unità di accumulo di energia domestica possono aiutare a appianare le fluttuazioni nella produzione di elettricità, una funzione nota come "bilanciamento". Quando la rete è a filo con l'energia, ad esempio, gli operatori di rete possono pagare i proprietari della batteria - anche quelli senza matrice solare attaccata a loro - per immagazzinare l'eccesso per loro. Quando la rete ha bisogno di energia, le batterie della casa e dell'auto possono alimentare l'energia nella rete. Gli esperti affermano che il bilanciamento è fondamentale per il più ampio progetto di un mondo a basse emissioni di carbonio.

Ma questo scenario è ancora ampiamente in futuro. "Ciò che abbiamo ora [nell'archiviazione domestica] sicuramente aiuta", dice Passerini, "ma è ancora molto poco". Dice che il passo successivo è consentire ai produttori di energia domestica di vendere ai vicini e agli inquilini, un servizio noto come peer-to- scambio di elettricità tra pari. Ciò consentirebbe ai consumatori senza accesso al potere generato in casa di trarre vantaggio dall'energia pulita di coloro che producono più del necessario.

Volker Quaschning, professore di sistemi di energia rinnovabile all'Università di Scienze Applicate di Berlino, ha messo in prospettiva la portata della sfida: “Abbiamo oltre 100.000 sistemi di generazione e stoccaggio domestici [in Germania], ma per colpire Parigi obiettivi abbiamo bisogno di 10 milioni nella sola Germania. Esiste un enorme potenziale, ma deve essere più economico e più semplice ". Dice che è necessario eliminare le tasse sul consumo di energia delle famiglie e delle imprese che generano elettricità per il proprio uso e mantenere le tariffe garantite dell'energia solare, che incoraggiano gli investimenti.


"L'archiviazione domestica può essere ampliata nello stesso modo in cui abbiamo fatto l'energia solare", afferma Quaschning, riferendosi agli investimenti e agli incentivi alla produzione, "che alla fine ha creato economie di scala e ridotto i prezzi".

Ha funzionato una volta, dice, e può funzionare di nuovo.

(tradotto da https://e360.yale.edu/features/in-germany-consumers-embrace-a-shift-to-home-batteries)

lunedì 26 agosto 2019

Come anche i piccoli produttori di caffè della Colombia pagano il prezzo dei cambiamenti climatici

Centinaia di piccoli coltivatori di caffè della Colombia hanno smesso di coltivare il prezioso chicco di fronte ai prezzi bassi e alla riduzione dei raccolti legati a un clima mutevole. Mentre gli agricoltori lottano, gli scienziati della nazione stanno cercando di sviluppare nuove varietà che fioriranno in una natura che cambia.

A prima vista, Finca El Ocaso, situata sulle colline fuori dal Salento, in Colombia, potrebbe essere scambiata per una foresta naturale: file di alberi di caffè Arabica tozzi sono intervallati da piantaggine, banane e calce e ombreggiati da torreggianti alberi di cafatero nogali, il cui alto il baldacchino ospita stormi di pappagalli chiacchieroni e altri uccelli. La piantagione di caffè di 44 acri è stata certificata da organizzazioni internazionali per essere sostenibile, rispettosa del clima ed equa nei confronti dei suoi lavoratori.



Ma Finca El Ocaso sta lottando sotto il peso dell'intensificarsi delle pressioni economiche.

"Molte fattorie più piccole vicino a noi hanno cessato l'attività", ha dichiarato l'agricoltore Gustavo Patiño. "Non è più sostenibile avere un'azienda agricola di medie dimensioni che paga tasse elevate e costi di produzione costosi, quando alla fine potrebbero essere pagati meno per il loro caffè rispetto alle loro spese".

Diversi anni fa, nel tentativo di mantenere a galla la piantagione, la figlia maggiore di Patiño, Carolina, aprì la fattoria a turisti stranieri e colombiani. La piantagione ora attira più di 1.000 visitatori all'anno. "La nostra fattoria può sopravvivere solo perché offriamo tour e vendiamo il nostro caffè ai turisti", ha detto Patiño.



Negli ultimi 18 mesi, la Colombia ha perso quasi 100.000 acri di piantagioni di caffè, oltre il 4% della terra coltivata a caffè, secondo una dichiarazione rilasciata la scorsa settimana dalla Federazione Nazionale dei coltivatori di caffè (Fedecafé) della Colombia. Dagli anni '90, la terra totale coltivata al caffè si è ridotta del 20 percento, ha dichiarato Fedecafé. La federazione attribuì in gran parte l'esodo più recente al prezzo rovinosamente basso del caffè sulla borsa di New York. Anche la migrazione dei giovani lavoratori verso posti di lavoro più remunerativi nelle città e all'estero è un altro fattore, osserva Diana Carolina Meza Sepulveda, professore di sviluppo agroindustriale all'Università tecnica di Pereira.

La regione montana colombiana, dove viene coltivato il caffè, si sta riscaldando di 0,5 gradi Fahrenheit per decennio.
Tuttavia, al di là di queste preoccupazioni economiche immediate, incombe una minaccia che sta già colpendo alcuni coltivatori di caffè della Colombia: un clima che cambia. La regione montana colombiana, dove viene coltivato il caffè, si sta riscaldando di 0,3 gradi Celsius (0,5 gradi Fahrenheit) per decennio, secondo uno studio pubblicato ad aprile dall'agronomo del caffè Peter Baker e da un team di scienziati. Il numero di ore di luce solare è inoltre diminuito del 19% dalla metà del secolo scorso a causa dell'aumento della copertura nuvolosa e non c'è più abbastanza sole per sostenere alti livelli di produzione di caffè in alcune aree, hanno riferito i ricercatori. Gli estremi delle precipitazioni sono più comuni, così come la diffusione di malattie da insetti e funghi - piaghe causate in parte dal clima generalmente più caldo e umido.

In effetti, le condizioni di crescita sempre più instabili della Colombia rappresentano la più grande minaccia a lungo termine per i piccoli coltivatori di caffè della nazione, affermano gli scienziati. Delle mezzo milione di caffetterie della Colombia, il 95 percento è più piccolo di 12 acri. "Nella Central Coffee Zone, la loro produzione sta diminuendo abbastanza rapidamente", afferma Baker, che collabora con l'Iniziativa per il caffè e il clima. "Il maltempo e le malattie del caffè sono chiaramente un fattore".

Per ora, il clima caldo ha funzionato a favore dei Patiños. Ma le tendenze climatiche a lungo termine non promettono nulla di buono.

"Quando abbiamo iniziato la piantagione, i vicini hanno detto che eravamo pazzi, fa troppo freddo per il caffè - ora l'altitudine [di 5.800 piedi] è giusta per coltivarla", ha detto Patiño che ha acquistato la terra nel 1987. "Ho notato grandi cambiamenti climatici negli ultimi 30 anni. Da un lato, abbiamo giorni più estremamente soleggiati, e altre volte c'è troppa pioggia ”.

La Zona Cafetera, come i colombiani chiamano il fertile triangolo nella cordigliera centrale delle Ande dove si trova la Finca El Ocaso, è un mosaico di piccole fattorie, foreste pluviali residue e creste montuose. L'UNESCO ha designato la pittoresca regione patrimonio dell'umanità nel 2011, definendola "un eccezionale esempio di un paesaggio culturale sostenibile e produttivo" e "un forte simbolo per le aree di coltivazione del caffè in tutto il mondo".

Ma il bell'aspetto da cartolina nasconde una realtà più complessa.

Jessica Eise, dottoranda presso la Purdue University uno studente che lavora per creare una rete di informazione sull'adattamento ai cambiamenti climatici in Colombia, ha recentemente completato uno studio sull'impatto dei cambiamenti climatici sui coltivatori di caffè della Colombia. Oltre il 90 percento degli agricoltori che ha intervistato ha riferito di cambiamenti nella temperatura media, il 74 percento ha dichiarato che la siccità è diventata più lunga e più grave e il 61 percento ha riferito di un aumento dell'erosione dei versanti montani e delle frane causate da forti piogge. La maggior parte dei coltivatori di caffè ha notato cambiamenti nei cicli di fioritura e di fruttificazione dei loro alberi, ha affermato Eise.

"In passato, il clima era perfetto per il caffè", ha detto un piccolo agricoltore che ha parlato con Eise e ha chiesto di non essere identificato. “Nel periodo di fioritura, c'era l'estate. Durante il raccolto, c'era l'inverno. Ma dal 2008 in poi, questo è cambiato e ora non sappiamo quando sarà estate, quando il caffè fiorirà. La nostra produzione annuale ora varia fino al 40 percento. "

Il rappresentante colombiano dell'Alleanza della foresta pluviale, Mauricio Galindo, ha affermato che "i livelli di precipitazione che di solito si verificherebbero in un periodo di tre mesi si sarebbero concentrati su un periodo di due settimane quest'anno", interrompendo lo sviluppo del chicco di caffè, che richiede lunghi periodi di pioggia leggera.

Per un piccolo proprietario che vive ai margini della solvibilità finanziaria, un singolo anno negativo rappresenta una minaccia esistenziale.
Le piante di caffè sono estremamente sensibili ai piccoli cambiamenti del tempo. Troppo sole o troppo poco, troppa pioggia o troppo poco, possono creare scompiglio con il ciclo di fioritura e maturazione della ciliegia di caffè, che ospita il chicco in via di sviluppo. La temperatura è altrettanto critica. Gli alberi si comportano meglio con calde giornate primaverili e notti fresche, un motivo importante per cui il raccolto fiorisce solo in una stretta fascia di elevazioni nei tropici dove le condizioni sono giuste. Ma man mano che il riscaldamento globale progredisce, il punto debole in cui può essere coltivato si sta muovendo costantemente su per le pendici delle montagne.

Alcuni coltivatori alle quote più basse hanno strappato i loro alberi poco performanti, ha detto Galindo, la terra che si è convertita in pascolo per bestiame o utilizzata per coltivare colture di alto valore come l'avocado e la foglia di coca, la fonte di cocaina, che rimane il principale guadagno agricolo del paese. . (Il caffè è il secondo.) Nel frattempo, nel sud del paese, le foreste vergini di alta montagna dove le temperature sono fresche vengono abbattute per far posto a nuove piantagioni di caffè, riferisce Galindo.

Le dimensioni ridotte delle piantagioni di caffè mamma e pop della Colombia hanno permesso alla qualità e alla consistenza del caffè di rimanere alte, un importante punto di forza. Ma la maggior parte delle aziende agricole rimane non meccanizzata e richiede molta manodopera, mettendo la Colombia in una posizione di svantaggio rispetto ad altri paesi con sistemi di produzione più efficienti.

Ironia della sorte, il miglioramento dell'economia colombiana, il cosiddetto dividendo per la pace che ha seguito la firma del trattato con la guerriglia delle FARC nel 2016, ha danneggiato la sua attività nel settore del caffè. Il peso colombiano è attualmente forte, rendendo le esportazioni di caffè del paese meno competitive sul mercato globale rispetto a operatori come il Vietnam e il Brasile. Inoltre, la nuova prosperità ha portato a un boom edilizio nelle città della Colombia, con conseguente carenza di manodopera.

"Non ci sono abbastanza lavoratori", ha riferito un agricoltore che ha parlato con il team Purdue. "Non sono rimasti giovani nella mia fattoria. Ho due uomini che lavorano per me, uno ha 83 anni e l'altro ha 75 anni, e poi ci sono io. ”

Per le grandi piantagioni, questi tipi di fattori di stress economici sono ancora gestibili. Molti stanno attualmente diversificando le loro colture per resistere agli anni in cui la raccolta del caffè è scarsa. Ma per un piccolo proprietario che vive ai margini della solvibilità finanziaria, un singolo anno negativo rappresenta una minaccia esistenziale. Alcuni coltivatori hanno implementato misure di stopgap come l'installazione di serbatoi d'acqua alimentati a pioggia per irrigare le loro terre durante la siccità.

Ma anche questi passi modesti vanno oltre i mezzi di molti piccoli coltivatori. "Non puoi adattarti ai cambiamenti climatici quando sei in povertà", ha spiegato Eise. “E i cambiamenti climatici aggravano lo stress della povertà. È un fermo-22 ".

"Sembra che tutto stia diventando sempre più estremo per loro", ha dichiarato Baker. "Ciò che tutti gli agricoltori desiderano sono condizioni ragionevolmente stabili e non le stanno ottenendo e, francamente, dovrebbe essere chiaro loro che non torneranno mai alle condizioni stabili del passato."

Il sottile margine di profitto dei coltivatori di caffè - anche negli anni buoni - è ulteriormente eroso da una tassa obbligatoria che i coltivatori pagano a Fedecafé, l'organizzazione senza scopo di lucro che collabora con il governo colombiano. Fedecafé, nota per la sua campagna di marketing "Juan Valdez", acquista i raccolti degli agricoltori e li vende al mondo. Eduardo Lora, associato presso il Centro per lo sviluppo internazionale di Harvard, afferma che questa tassa, equivalente a un'aliquota fiscale del 15,3% sul reddito degli agricoltori, ha posto un ulteriore onere per i piccoli proprietari terrieri che possono permetterselo meno.

"I cambiamenti climatici ridurranno l'area globale adatta al caffè di circa il 50 percento", ha affermato uno studio.
Ma Fedecafé finanzia anche un braccio di ricerca, Cenicafé, i cui 60 scienziati dovrebbero svolgere un ruolo chiave nell'aiutare i coltivatori di caffè della Colombia a sopravvivere nei prossimi decenni. Soprannominato "la NASA del mondo del caffè" a causa del suo approccio ad alta tecnologia allo sviluppo di nuove varietà di alberi che sono resistenti ai parassiti e adattato ai capricci di un clima mutevole, il laboratorio è arroccato su una montagna sopra la città colombiana centrale di Chinchina. Sulla terrazza fuori dall'ufficio del regista Alvaro Gaitan, un patologo vegetale, ci sono una varietà di alberi di caffè in vaso che sfoggiano un mix di ciliegie verdi e rosse.

"Queste due piante sono i genitori del caffè Arabica", ha detto Gaitan. "Abbiamo sequenziato i genomi di questi e di altre varietà e le informazioni sono ora disponibili al pubblico. Ci daranno i geni per progettare nuove varietà in futuro. "

Collezioni come queste sono fondamentali, poiché le informazioni genetiche che contengono sono la prima linea di difesa contro i patogeni del caffè. La ruggine delle foglie di caffè, o la roya in spagnolo, ingiallisce le foglie e impedisce agli alberi di fruttificare. Un'epidemia del fungo nel 2012 ha devastato le piantagioni di caffè in tutta l'America Latina, causando danni e perdite di reddito per oltre 3 miliardi di dollari e facendo deragliare efficacemente l'industria del caffè in paesi come El Salvador.

L'impatto è stato molto meno grave in Colombia, dove Cenicafé aveva già utilizzato la sua banca genetica del caffè selvaggio per sviluppare varietà resistenti alla ruggine delle foglie adatte alle condizioni di crescita in varie parti del paese. Un team di 1.200 agenti di estensione ha promosso in modo aggressivo la varietà resistente chiamata "Castillo" e nel 2017 circa i tre quarti delle piante di caffè in Colombia erano resistenti alla ruggine delle foglie.

"Non puoi trovare un altro esempio di un cambiamento fatto così velocemente in un raccolto perenne in qualsiasi parte del mondo", ha detto Gaitan. “Sappiamo che la ruggine e altri parassiti stanno ancora cercando di sconfiggerci. Stiamo progettando impianti per ambienti più asciutti, stiamo progettando impianti per ambienti più umidi. La Colombia ha molte zone climatiche diverse e semplicemente non sappiamo cosa accadrà in futuro ".

Invece di fornire semi di un solo genotipo, ogni borsa che Cenicafé vende ai coltivatori di caffè al costo contiene semi di 35 linee diverse, assicurando che alcune piante riusciranno a prosperare in qualsiasi condizione ambientale.

Mentre la terra coltivata a caffè in Colombia si è ridotta di un quinto, la produzione di caffè è rimasta pressoché invariata dagli anni '90, a causa di maggiori efficienze nel processo di produzione, come piantare più alberi per acro; controlli biologici per insetti nocivi; e altre innovazioni agronomiche introdotte da Cenicafé. Gaitan afferma di essere sicuro che ulteriori sviluppi tecnologici possano aiutare la Colombia e il mondo a stare al passo con le minacce future.

Altri, tuttavia, non sono così sicuri. "I cambiamenti climatici ridurranno l'area globale adatta al caffè di circa il 50 percento negli scenari di emissione", secondo un rapporto pubblicato sulla rivista Climatic Change nel 2015.

Il commercio del caffè vale oltre $ 100 miliardi all'anno a livello globale. Tuttavia, la quantità di ricerca sul caffè nel mondo "è minuscola rispetto ad altre colture", afferma Hanna Neuschwander, direttore delle comunicazioni di World Coffee Research, un gruppo commerciale. L'esigenza principale è quella di condurre una scienza migliore a livello locale per adattare il caffè ai cambiamenti climatici su base paese per paese, come sta facendo la Colombia.

Se ciò accade, prevede, il caffè affronterà con successo le sfide del cambiamento climatico e continuerà a crescere. Sfortunatamente, ha detto Neuschwander, molti dei piccoli agricoltori le cui famiglie hanno coltivato l'amato fagiolo per generazioni dovranno affrontare la pressione maggiore.

"Qualsiasi shock negativo - un focolaio di malattia, una siccità, bassi prezzi di mercato - influenzerà in modo sproporzionato le persone che hanno la minima capacità di assorbirle", ha detto Neuschwander. "Nei prossimi 50 anni vedrai una tendenza al consolidamento in cui solo i produttori più efficienti possono rimanere in gioco."

(fonte trad. da https://e360.yale.edu/features/as-climate-changes-colombias-small-coffee-farmers-pay-the-price)

Granchio del Mediterraneo

Oggi è venuto a trovarmi questo bel granchio.



Lo sapevate che La muta dei granchi, e quindi il cambio della corazza avviene spesso durante la crescita dell’animale : i maschi approfittano della muta delle femmine per l’accoppiamento, mentre le femmine approfittano della muta del maschio (sprovveduto) per cibarsene.

Vendite record per Tesla Model 3

La Model3 di Tesla è stata il decimo veicolo più venduto in Svezia a luglio 2019. La Model 3 è stata la nona vettura più venduta negli Stati Uniti nel secondo trimestre del 2019. Il Tesla Model 3 è stato il 4 ° veicolo più venduto in Svizzera e Liechtenstein nella prima metà dell'anno. La più famosa auto elettrica è sicuramente diventata un best seller non solo nella sua categoria.



Non stiamo solo parlando di automobili qui, e non stiamo parlando solo di un mese. Per i primi 6 mesi del 2019, solo altri 3 veicoli passeggerihanno venduto di più rispetto al modello di mercato di massa di Tesla. Quelli erano la Škoda Octavia (non chiedermi come o perché fosse il numero 1), la VW Tiguan e la VW Golf.

Un paio di questioni emergono qui. Innanzitutto, non è un segreto che la Svizzera (8,42 milioni di abitanti) e Lichtenstein (37.810 abitanti) siano paesi ricchi. Inoltre, non è un segreto che per i ricchi è più facile permettersi un veicolo di CHF 44.990 ($ 46.000) rispetto ai non ricchi. Anche se il costo totale di proprietà di un Modello 3 è paragonabile o migliore di una Corolla Toyota, in primo luogo devi avere denaro per acquistare l'auto di classe premium - e, per quanto ne so, nessuna banca prende il costo totale di proprietà in considerazione quando si approvano i prestiti.

La Svizzera, nonostante le sue ridotte dimensioni geografiche, ospita anche 5 centri di assistenza Tesla e una tonnellata di Supercharger. Naturalmente, Tesla ha collocato centri di assistenza e Supercharger in tutto il paese perché è stato un buon mercato per Tesla, ma c'è anche un circuito di feedback positivo che porta a molti più consumatori - una prossima ondata più ampia di utenti di tecnologie - sentirsi a proprio agio nell'acquistare una Tesla. Questo sta sicuramente giocando un ruolo nelle vendite di nuovi veicoli Tesla in California, Norvegia, Paesi Bassi e Svizzera.

Data la ricchezza dei paesi, non sorprende vedere che Mercedes ha 3 modelli nella top 10. Questo è anche un buon segno per Tesla. Non c'è motivo di pensare che questo sia solo un capovolgimento delle tendenze del mercato, un problema tecnico. Il Modello 3 potrebbe benissimo mantenere il suo posto n. 4, oppure potrebbe salire ancora più in alto man mano che un numero maggiore di consumatori scopre i vantaggi per guidatore e passeggero, il basso costo e il fattore generale "caldo" del Modello 3. Vedremo.

sabato 24 agosto 2019

Mettiamo le persone al centro della moda sostenibile

L'economia circolare è fortunatamente di tendenza nel settore della moda e avrà un grande impatto sull'ecologia. L'agenda del CEO di Global Fashion Agenda del 2019 afferma che la creazione di un settore della moda circolare deve essere una priorità strategica per il settore.



Stimato in 20 miliardi di dollari, il mercato globale della rivendita di moda ha il potenziale di sovradimensionare Fast Fashion in soli 10 anni, mentre è prevista una crescita a due cifre per il noleggio di abbigliamento online per i prossimi cinque anni. Sul mercato, sia i disgregatori che i grandi marchi si sfidano a fare appello ai consumatori sempre più disposti a provare abiti "pre-amati" e noleggiati per le dimensioni. Eileen Fischer, ad esempio, ha generato un'impressionante trazione con le sue linee di ritiro e riparazione. Giganti della moda come Express e New York & Co. stanno sperimentando modelli di noleggio di abbonamenti.


Quali sono gli impatti di tali innovazioni del modello di business sulle persone?

Tali esperimenti mirano esplicitamente a preoccupazioni ambientali, come rifiuti e inquinamento. Ma poiché un'industria che serve miliardi di consumatori in tutto il mondo e impiega dai 60 ai 70 milioni di persone nella sua catena del valore, le persone mancano troppo spesso alla conversazione. Quali sono gli impatti di tali innovazioni del modello di business sulle persone? E come possono essere progettati per essere inclusivi ed equi fin dall'inizio?
BSR sta lavorando con la Fondazione C&A per esplorare i modi in cui il progresso della moda circolare influenza le persone e, in particolare, le donne. La nostra ricerca rivela che pochissime aziende che adottano modelli di moda circolari stanno prendendo in considerazione gli aspetti sociali mentre effettuano questo spostamento.

Mentre alcune aziende sono interessate alle questioni sociali, l'attenzione si è concentrata principalmente sul lato ambientale, dove i progressi sono generalmente più facili da quantificare e misurare. Le aziende e le organizzazioni abilitanti non sono sicure su come integrare e affrontare i social, per non parlare delle considerazioni di genere, mentre sperimentano questi nuovi modelli, i loro potenziali impatti e come portarli su scala.

Potenziali impatti della moda circolare su larga scala
Nel modello di moda lineare di oggi, la maggior parte degli articoli di moda sono prodotti nei paesi in via di sviluppo e di reddito medio e sono trasportati per il consumo altrove. Devono essere considerati gli impatti economici e sociali significativi di un futuro in cui la moda circolare è decollata. Nell'attuale sistema, le popolazioni vulnerabili spesso subiscono in modo sproporzionato gli impatti negativi e senza un progetto deliberato di inclusione, è facile immaginare che questi nuovi modelli circolari possano replicare le stesse disuguaglianze.

Una crescita del riutilizzo dell'abbigliamento (come noleggio, rivendita, rigenerazione) potrebbe generare molta attività economica locale nei mercati dei consumi e presentare nuove opportunità di lavoro e tipi di ruoli. D'altra parte, i ruoli più tradizionali, come la vendita al dettaglio in negozio, probabilmente diminuiranno.
I profili delle competenze cambieranno, con un bisogno generale di maggiori competenze tecniche, che potrebbero lasciare alle spalle donne tradizionalmente sottorappresentate nel settore delle STEM.
I modelli circolari potrebbero aprire opportunità per gruppi tradizionalmente sottorappresentati quando emergono nuovi ruoli e modelli di lavoro flessibili. Tuttavia, ciò potrebbe anche suscitare crescenti preoccupazioni per l'erosione delle protezioni per il lavoro e la qualità e l'affidabilità dei lavori di tipo "economia gig".
Nei paesi di produzione, i modelli circolari potrebbero migliorare la salute pubblica e le condizioni ambientali locali, che sono spesso associate a un calo della produzione e all'uso di processi e materiali più sostenibili.
Tuttavia, possono verificarsi evidenti impatti negativi sui redditi dei lavoratori e sulle opportunità di lavoro se questa transizione non è adeguatamente anticipata e gestita da governi e altri attori economici. Le lavoratrici, che costituiscono la maggior parte della forza lavoro della filiera dell'abbigliamento, rischiano di soffrire in modo sproporzionato di cali di produzione e di effetti dell'automazione.
Dal punto di vista del consumatore, i nuovi modelli circolari abilitati alla tecnologia presenteranno nuovi problemi di privacy. Inoltre, vi è il rischio che alcuni modelli perpetuino le pressioni di genere esistenti sulle donne e continuino a incentivare il comportamento dei consumatori "fast fashion".
Necessità di un'azione deliberata
Nonostante queste incertezze, una cosa è chiara: i miglioramenti nelle condizioni di lavoro, nella distribuzione della ricchezza e del potere e nella creazione di migliori opportunità per donne e minoranze non saranno realizzati senza azioni ponderate e ponderate. Garantire che il passaggio alla moda circolare consenta davvero una transizione equa per le popolazioni vulnerabili richiederà di affrontare alcune sfide impegnative.

La moda circolare ha un grande potenziale per consentire modelli di business sostenibili, ma come possiamo incoraggiare una focalizzazione intenzionale sull'inclusione e una distribuzione più equa come parte centrale di questo modello di business emergente? Come possiamo usare gli incentivi per farlo?
Come possiamo costruire modelli di moda circolari che consentano alle comunità e agli imprenditori locali di prosperare? Alcuni modelli circolari potrebbero concentrare il potere in una parte della catena di approvvigionamento o, al contrario, avere un impatto positivo in termini di distribuzione della ricchezza e del potere?
Come possiamo garantire che le esigenze delle donne influenzino la progettazione di prodotti e servizi circolari? Come possiamo sfruttare il ruolo del design della moda circolare nell'influenzare le norme positive di genere?
Per affrontare queste domande - e supportare la transizione verso un'industria dell'abbigliamento circolare inclusiva ed equa - la Fondazione C&A ha lanciato una richiesta di proposte di iniziative per capire come consentire risultati positivi per lavoratori, dipendenti, imprenditori, clienti e la società in generale. La RFP intende stabilire prove sul funzionamento dei nuovi modelli di business circolari e, in base alla progettazione, può ottenere risultati migliori per le persone.

L'economia circolare offre un'enorme opportunità per un futuro intelligente in termini di risorse, ma molto simile all'economia lineare, senza un approccio inclusivo ed equo, non riuscirà a offrire vantaggi a livello di società. BSR è impegnata a collaborare con aziende e parti interessate per realizzare modelli di economia circolare che funzionano per le persone. Incoraggiamo tutte le aziende a valutare gli impatti degli approcci aziendali esistenti e a progettare modelli circolari che siano socialmente inclusivi e producano risultati equi ed equi per le persone.

3 startup che hanno modificato il cibo per evitare la crisi climatica

Il cibo ha delle immense implicazioni sull'ecologia e sul rispetto della natura.
Le innovazioni nelle tecnologie alimentari, negli ingredienti e nelle preparazioni hanno la capacità di avere un impatto su esseri umani, animali e pianeta in modo immenso. Ciò è stato evidente nell'evento Hacking Food del mese scorso nella Silicon Valley, ospitato da società di investimento a impatto: One World, Spero Ventures e Social Venture Circle.



Conosciuto come il Festival per l'alimentazione e l'agricoltura sostenibili della Bay Area, l'evento mirava a mostrare alcune delle startup più promettenti e innovative nel settore alimentare sostenibile. E come avrete intuito, dato il dialogo sempre più vocale sulle proteine ​​alternative alla carne, molte di queste aziende producono prodotti a base vegetale.

L'aumento dell'interesse per i prodotti e le aziende a base vegetale non è solo una tendenza riscontrata nella Silicon Valley. È stato visibile negli Stati Uniti, nell'Unione Europea e in altre economie consolidate negli ultimi dieci anni e prevalentemente negli ultimi due anni. Perché sta succedendo?

Per uno, le aziende stanno acquistando il potenziale di mercato dell'industria alimentare a base vegetale, che secondo alcuni esperti supererà i 13 trilioni di dollari entro il 2025. Come dimostrato dal dilagante successo dell'IPO di Beyond Meat (al prezzo di oltre il 734 percento della sua offerta iniziale ) e il calo dei profitti del settore lattiero-caseario (le vendite di latte sono diminuite di $ 1 miliardo nel 2018), gli alimenti a base vegetale sono diventati una forte opportunità finanziaria per le aziende alimentari e delle bevande.


alternative al latte

Con l'aumentare della popolarità del latte alternativo non caseario, le vendite di latte sono in calo.
Un altro motivo è che un numero maggiore di consumatori si sta svegliando su quanto possano essere disastrosi allevare animali per il consumo umano per l'ambiente e la salute umana e si stanno rivolgendo alle diete a base vegetale come soluzione. Ecco alcune scoperte che motivano i consumatori (secondo i dati compilati dai produttori dietro i documentari "CowSpiracy" e "What the Health"):

Per l'ambiente:
L'agricoltura animale è la principale causa di estinzione di specie, zone morte oceaniche, inquinamento idrico e distruzione dell'habitat (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, nota anche come FAO).
Il 14,5 percento delle emissioni mondiali di gas serra sono prodotte dall'agricoltura animale, che è più delle emissioni combinate di tutti i trasporti (FAO).
Le mucche producono 150 miliardi di galloni di metano al giorno, secondo uno studio accademico condotto da diverse rispettate università.
2.500 galloni di acqua sono necessari per produrre 1 chilo di carne (Water Footprint Network).
Al ritmo attuale della pesca eccessiva, potremmo vedere gli oceani senza pesci entro il 2050, secondo uno studio della Dalhousie University.
Gli scienziati stimano che 650.000 (PDF) balene, delfini e foche vengano uccisi ogni anno dai pescherecci (Oceana).
L'agricoltura animale è responsabile fino al 91 percento (PDF) della distruzione di Amazon (Banca mondiale).
In tutto il mondo, almeno il 50 percento del grano viene alimentato al bestiame (FAO).
Per la salute umana:
Un rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità (PDF) ha classificato pancetta e salsiccia come cancerogene per l'uomo.
Una porzione di carne trasformata al giorno ha aumentato il rischio di sviluppare il diabete del 51 percento, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition.
Mangiare un uovo al giorno è altrettanto male che fumare 5 sigarette al giorno per l'accumulo di placca carotidea (NutritionFacts.org).
Le principali fonti di saturi negli Stati Uniti includevano cibi con formaggio, burro, latticini e carne (Harvard School of Public Health).
I paesi con i più alti tassi di consumo di latticini hanno i più alti tassi di osteoporosi, secondo uno studio medico pubblicato dall'Indian Journal of Orthopedics.
Le tossine si accumulano nella carne di pesce, che si trasferiscono agli umani che le mangiano (NutritionFacts.org).
Studi clinici suggeriscono che è possibile invertire la progressione della malattia cardiaca con diete a base vegetale.


Shutterstock
Mangiare 1 uovo al giorno è altrettanto male che fumare 5 sigarette al giorno per l'aspettativa di vita. Fonte dei dati: NutritionFacts.org.
Oltre alle preoccupazioni sugli impatti ambientali e sulla salute, un numero crescente di persone sta iniziando a rendersi conto delle condizioni disumane che molti animali sopportano in entrambe le fattorie di fabbrica e persino in operazioni "certificate dall'uomo". Gabbie confinate e affollate, i bambini vengono portati via dalle loro madri, i pulcini maschi vengono macinati vivi e i pestaggi dei contadini sono tutte condizioni che sono state osservate in tali fattorie. Se sei interessato a saperne di più su questo, ecco alcuni documentari illuminanti che puoi guardare a casa.

Come risultato di queste realizzazioni, la domanda dei consumatori di diete a base vegetale è in aumento (il veganismo è cresciuto del 600 percento solo negli Stati Uniti dal 2014 al 2017) e le aziende si stanno rendendo conto che devono cambiare con la marea o restare indietro.

Molte aziende in mostra a Hacking Food hanno deciso di cogliere l'occasione. Ecco tre iniziative che ho trovato convincenti:

Miyoko


I prodotti Miyoko sono prodotti caseari vegani,

Miyoko, con sede a Sonoma, in California, è un'azienda lattiero-casearia vegana che produce formaggi e burro vegani utilizzando colture tradizionali di panna, antiche tecniche di produzione del formaggio e tecnologia moderna. Tutti i suoi prodotti sono realizzati anche con ingredienti biologici. La filosofia dell'azienda è "puntare la natura nella giusta direzione, e lasciare che faccia del suo meglio per creare sapori straordinari che le tute da laboratorio e le provette non possono fare".

Miyoko Schinner, fondatrice e chef di celebrità, ha parlato all'evento e ha spiegato perché pensa che il futuro del cibo sarà "fenomenale vegano", come suggerisce lo slogan della sua compagnia e il tatuaggio sul braccio. Crede che le imprese e i consumatori non debbano rifuggire dal veganismo, perché se non tutti facciamo ora qualcosa sul nostro impatto dietetico sull'ambiente, allora non ci sarà un pianeta su cui vivere tra 30 anni.

Schinner ritiene inoltre che un grande impedimento a diventare vegani per molte persone sia l'esclusione di formaggio e burro dalle loro vite. Ma con i prodotti della sua azienda e i tanti altri formaggi e burri a base vegetale presenti sul mercato, sostiene che diventare vegani non è più un'impresa difficile.

Igzu, tè in foglie di bambù

Igzu è il primo tè in foglia di bambù pronto da bere al mondo.
Igzu, con sede a Palo Alto, in California, è il primo tè in foglia di bambù pronto da bere al mondo ed è stato creato pensando al consumatore attento all'ambiente. Il bambù non è solo benefico per la salute umana, aiuta a bilanciare il colesterolo e migliora il sistema immunitario, ma è anche una delle colture più sostenibili sulla terra. È più efficiente del 35% nella conversione del carbonio in ossigeno rispetto agli equivalenti alberi di latifoglie, è la pianta a più rapida crescita del pianeta e non richiede l'uso di irrigazione, pesticidi o fertilizzanti. Igzu collabora anche con le aziende agricole per assicurarsi che vi sia un utilizzo per l'intero impianto.

I proprietari e co-fondatori, Courtney McCoy e Zach Anderson, affermano che la missione dell'azienda è quella di reinventare i popolari prodotti alimentari e bevande di consumo usando le colture più sostenibili e resistenti del mondo come ingredienti fondamentali.


Uala, coppa energetica di patate dolci


`Uala è una nuova startup nello spazio lattiero-caseario a base vegetale che vende" bicchieri energetici "di patate dolci viola, che sono più o meno un'alternativa allo yogurt.

Invece di utilizzare ingredienti lattiero-caseari ad alta intensità di risorse, `Uala usa patate dolci viola biologiche che bevono solo una frazione dell'acqua di cui le mucche da latte hanno bisogno per produrre latte. Considera questo: 2.000 galloni di acqua sono necessari per produrre solo un gallone di latte, mentre una delle alternative a base vegetale più ad alta intensità di acqua, le mandorle, ha bisogno solo di 920 galloni di acqua.

Oltre ai loro benefici ambientali, le patate dolci viola sono anche classificate come superfood. Forniscono macronutrienti per soddisfare le nostre esigenze energetiche e di crescita e sono ricchi di antiossidanti, agenti antinfiammatori, fibre, vitamine e minerali.

Far avanzare il futuro
Queste tre startup e molte altre nel settore alimentare a base vegetale sono impegnate a invertire la crisi climatica attraverso il cibo. Comprendono gli enormi potenziali prodotti a base vegetale che devono fare la differenza nel mondo e si stanno impegnando, orgogliosi delle loro missioni e senza timore di ciò che le grandi aziende agricole e i latticini pensano di loro.

Come ha affermato Schinner durante i suoi interventi all'evento, non possiamo fare affidamento sul governo per risolvere la catastrofe climatica. Le imprese e i consumatori devono ripensare le loro abitudini di consumo e di produzione e fare tutto il possibile per far avanzare e salvare il pianeta per le generazioni future.

venerdì 23 agosto 2019

CITES CoP18: cosa devi sapere sulla prossima conferenza internazionale sulla fauna selvatica

Con una serie di questioni chiave e specie che potrebbero essere conquistate o perse al prossimo incontro CITES CoP18 a Ginevra, eccone alcuni argomenti che vale la pena tenere d'occhio.



Dal 17 al 28 agosto 2019, 183 governi di tutto il mondo si incontreranno a Ginevra, in Svizzera, per la 18a Conferenza delle Parti (CoP18) della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES).
L'incontro riunirà i governi mondiali, le agenzie di controllo nazionali e internazionali e le ONG per esaminare i progressi in materia di commercio di specie selvatiche, aggiornare le normative commerciali internazionali per le specie minacciate e rafforzare la gestione di questo commercio.

In un momento in cui la fauna selvatica del mondo si trova ad affrontare un'enorme pressione - e in alcuni casi, un grave declino - a causa di scambi insostenibili e mal gestiti, CoP18 offre un'opportunità fondamentale per proteggere un numero di specie e gruppi di specie tra cui quelli iconici come elefanti, tigri, e tartarughe marine.

Dirigendosi verso la CoP18, il WWF esorta i governi a riconoscere la grave minaccia del commercio insostenibile di animali selvatici, a riconoscere i fattori chiave di questo commercio e a ritenere gli altri governi responsabili di non aver rispettato gli impegni a proteggere le specie minacciate.

Con una serie di questioni chiave e specie che possono essere conquistate o perse a Ginevra, eccone alcune da tenere d'occhio.

SETTE PROBLEMI DA GUARDARE A GINEVRA:
Il ruolo del Vietnam nel commercio di specie selvatiche:
Ora il più grande mercato di consumo per i prodotti in avorio, avendo superato la Cina, il Vietnam è anche il più grande mercato di domanda per il corno di rinoceronte ed è stato identificato come una delle principali preoccupazioni per il commercio di parti di tigre, legni preziosi e prodotti in scala di pangolino. Alla CoP18, il WWF chiederà maggiore attenzione al ruolo del Vietnam come paese di consumo e di transito per questi e altri prodotti di provenienza illegale e scambiati. Solleciteremo la CITES ad avviare un processo di conformità, simile ad altri già in corso per Lao PDR, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo e Guinea. Questo processo, previsto dalla Convenzione, richiede che gli organi direttivi della CITES collaborino con il Paese per identificare i problemi chiave, ma possono anche comportare sanzioni se risulta evidente che manca una volontà politica per affrontarli.

Elefanti e avorio:
La CITES ha un ruolo enorme nella protezione di uno degli animali più iconici del mondo - gli elefanti - e in effetti ci sono 11 punti nell'agenda del CoP18 relativi agli elefanti e all'avorio. In base alle normative vigenti, è vietato qualsiasi commercio commerciale di avorio di elefante. Tuttavia, molti paesi in cui l'avorio viene affogato, trafficato o venduto non hanno rispettato gli impegni assunti per porre fine al commercio illegale di avorio e accompagnare il declino delle popolazioni di elefanti. Il WWF ritiene che la CITES dovrebbe concentrare i suoi sforzi per affrontare le questioni chiave relative al bracconaggio e al traffico di avorio, in particolare i paesi che aderiscono ai piani nazionali per ridurre al minimo il loro ruolo in questo commercio. Ora che la Cina ha chiuso i propri mercati nazionali di avorio, l'attenzione deve essere rivolta in particolare ai mercati dei paesi limitrofi, in particolare il Vietnam, molti dei quali commerciano apertamente in avorio in violazione delle leggi nazionali.

Fattorie delle tigri:
CoP18 rappresenta un'opportunità per la Cina e diversi paesi limitrofi di compiere progressi verso la chiusura di strutture per tigri in cattività, che rappresentano una grave minaccia per la conservazione della tigre. Queste cosiddette "fattorie" di tigri contribuiscono al commercio illegale, minacciando di stimolare la domanda e, a loro volta, il bracconaggio di tigri in natura. Per ora, la Cina ha vietato tutti gli scambi di parti di tigri, ma la continua esistenza di allevamenti di tigri crea pressioni politiche per riaprire questo commercio, mentre in Vietnam, Laos e Thailandia vi sono prove crescenti di parti di tigri provenienti da allevamenti che perdono nel commercio del mercato nero . Oltre a chiedere a questi governi di intraprendere azioni significative e limitate nel tempo per eliminare gradualmente le fattorie di tigri, il WWF sostiene un rafforzamento degli sforzi transfrontalieri per contrastare il commercio illegale di parti di tigre.

Comunità e mezzi di sussistenza:
CoP18 prenderà in considerazione sei documenti dell'ordine del giorno sulla voce delle comunità rurali nelle decisioni sul commercio della fauna selvatica e sugli impatti sui mezzi di sussistenza. Alla CITES continueremo a sollecitare i governi a includere una maggiore rappresentanza delle comunità rurali nelle loro delegazioni, ritenendo che questo sarà il modo più efficace per garantire che le voci della comunità vengano ascoltate. Supportiamo anche misure per migliorare la considerazione di come le decisioni sul commercio della fauna selvatica incidano sui mezzi di sussistenza, con particolare attenzione alle misure pratiche che possono aiutare a garantire che gli impatti negativi possano essere mitigati e quelli positivi migliorati. In definitiva, garantire il benessere della comunità a lungo termine con solidi risultati di conservazione dovrebbe essere un obiettivo condiviso e fondamentale per il successo degli obiettivi di conservazione della CITES.

Tartarughe Hawksbill:
Un altro punto cruciale dell'agenda affronterà il commercio delle tartarughe marine. Mentre le tartarughe marine sono sopravvissute per 120 milioni di anni, sei specie su sette sono ora valutate vulnerabili alle specie in pericolo di estinzione in base ai criteri di conservazione internazionali, affrontando minacce da bracconaggio di uova e carne, cattura accidentale in attrezzi da pesca, digestione di detriti marini e cambiamento climatico. La tartaruga Hawksbill, in particolare, è molto apprezzata per la sua bellissima conchiglia per realizzare gioielli, ornamenti, souvenir o strumenti. I dati raccolti dal 2015 mostrano Indonesia, Malesia e Vietnam come principali consumatori sia di Hawksbill che di tartarughe verdi. Il WWF chiede che vengano indirizzate raccomandazioni più forti a questi e ad altri paesi coinvolti nel commercio delle tartarughe marine e che l'attuazione di tali raccomandazioni sia seguita nelle successive riunioni CITES.

Siti del patrimonio mondiale:
CoP18 offre l'opportunità di creare sinergie tra gli sforzi per regolare il commercio internazionale di specie selvatiche e gli sforzi per proteggere i luoghi naturali e culturali più unici del pianeta. Le delegazioni prenderanno in considerazione un documento dell'ordine del giorno che propone la collaborazione formale tra il segretariato CITES e il Centro del patrimonio mondiale dell'UNESCO, che potrebbe accelerare i progressi su obiettivi comuni per affrontare il bracconaggio e il traffico di specie selvatiche. I siti del patrimonio mondiale sono fondamentali per la conservazione date le loro popolazioni di fauna selvatica spesso abbondanti, tra cui molte specie destinate al commercio come elefanti, rinoceronti e palissandro. Allo stesso tempo, il bracconaggio può minacciare lo stato del patrimonio mondiale di questi siti incidendo negativamente sulla biodiversità e sugli ecosistemi locali e sulle persone che dipendono da essi. Una collaborazione rafforzata tra il Segretariato CITES e il Centro per il Patrimonio Mondiale dell'UNESCO aiuterà ciascuno di raggiungere meglio la propria rispettiva missione.

Cetrioli di mare:
Non benedetto come una creatura "carismatica", ma fondamentale per il suo ruolo nell'ecosistema marino, un tipo di cetrioli di mare noti come teatfish sarà un argomento molto dibattuto in questo incontro. Il WWF sostiene una proposta per aggiungere queste specie - che sono apprezzate nella cucina asiatica e sono estremamente vulnerabili alla pesca eccessiva - all'elenco delle specie il cui commercio è regolato dalla CITES. I cetrioli di mare svolgono un ruolo ecologico vitale in tutti i principali oceani e mari del mondo; sono strumentali alla pulizia dei sedimenti, aiutano ad aumentare l'alcalinità dell'acqua di mare che aiuta a proteggere gli ecosistemi della barriera corallina e ospitano centinaia di parassiti che migliorano la biodiversità degli ecosistemi. Gli ultimi dati mostrano un forte declino nella maggior parte delle attività di pesca, motivo per cui il WWF sostiene un aumento delle protezioni.

giovedì 22 agosto 2019

Il cambiamento climatico sta rendendo più pericoloso mangiare determinati pesci

Potrebbe non essere la svolta catastrofica nella crisi climatica, ma il riscaldamento globale è ufficialmente arrivato nei tuoi tacos di pesce. Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature mercoledì, le temperature oceaniche più elevate stanno causando un aumento del contenuto di mercurio di alcuni pesci, nonostante le normative volte a ridurre la quantità di metalli pesanti nei nostri frutti di mare.



 Ci è stato detto che il pesce fa bene perché è una fonte di proteine ​​magre che ha acidi grassi essenziali. Ma non dovremmo nemmeno mangiarne troppo a causa dell'elevato contenuto di mercurio di alcune specie. Questo ci lascia con consigli sulla salute sconcertanti come, "mangia una o due lattine di tonno alla settimana ma non di più", o, per le donne incinte, "stai alla larga dai grandi pesci come il pesce spada, ma mangia il merluzzo di tanto in tanto".



In breve, capire come / se mangiare pesce era già complicato prima. Sfortunatamente, il riscaldamento globale sembra rendere quelle acque ancora più oscure.

Le emissioni di mercurio sono diminuite nel tempo, il che dovrebbe teoricamente tradursi in una diminuzione dei suoi livelli nei frutti di mare. Ma questo non sembra essere il caso, soprattutto quando si tratta di grandi pesci "predatori", come il pesce spada e il tonno, secondo il nuovo studio. Uno dei motivi potenziali è la pesca eccessiva, che può cambiare le diete delle specie alterando la disponibilità di determinati collegamenti nella catena alimentare subacquea.



Ad esempio, il merluzzo dell'Atlantico si nutre tradizionalmente di eglefino ma ha dovuto spostarsi verso il consumo di più, e succosa aragosta del Maine (wow, che prelibatezze). Poiché le aragoste di solito contengono meno mercurio rispetto all'eglefino, il contenuto complessivo di mercurio del merluzzo è diminuito. Ma altre specie come il dogfish non sono state così fortunate. Privati ​​della loro solita dieta a base di aringhe, i pesci palla hanno inghiottito più calamari e polpi, che sono più ricchi di mercurio.

Ed è qui che entrano in gioco i cambiamenti climatici: quando le acque si scaldano, i ricercatori hanno scoperto, i grandi pesci come il tonno rosso devono spendere più energia solo per sopravvivere, quindi finiscono per mangiare di più. Come gli umani dopo un allenamento, il loro metabolismo aumenta e hanno semplicemente bisogno di più calorie. Quindi i pesci surriscaldati stanno finendo con livelli più alti di mercurio perché stanno mangiando più alimenti contenenti mercurio del solito.

Quindi cosa accadrà alle linee guida sui frutti di mare in futuro se le emissioni di mercurio rimangono basse ma le temperature degli oceani e la pesca eccessiva continuano ad aumentare? I ricercatori dicono che dipende dal pesce. I fan del tonno rosso dell'Atlantico (la roba in scatola), per esempio, dovrebbero iniziare a fare pressioni per l'azione per il clima al più presto. Mentre i livelli di mercurio nel pesce popolare sono effettivamente diminuiti grazie alla riduzione delle emissioni, le temperature di riscaldamento invertiranno quasi completamente tali guadagni entro il 2030.

Quindi, se vuoi continuare con la tua dieta ricca di pesce, considera di rendere sia l'azione per il clima che la regolamentazione del mercurio una parte del tuo programma. "È importante che i regolatori sappiano che se non vedono un declino [del mercurio nel cibo] così rapidamente come si aspettavano, non è perché la regolamentazione non funziona", ha detto la coautrice Amina Schartup sull'Atlantico. "Sarebbe peggio se non avessero ridotto le emissioni in primo luogo."

martedì 20 agosto 2019

Curbicus: la soluzione sostenibile alla rimozione delle deiezioni canine

Gli animali domestici si stanno diffondendo sempre di più. Con loro anche i loro rifiuti sono diventati un problema sopratutto nelle grosse città  - è disgustoso, spiacevole e dannoso per l'ambiente. Sono attualmente sul mercato vari metodi per trattare i rifiuti di cane, tra cui sacchetti di plastica, biodegradabili e compostabili. Tutti i metodi attuali hanno i loro pro e contro, ma nessuno di loro sembra raggiungere la soluzione ideale, un metodo per raccogliere i rifiuti del cane che sia facile, non grossolano ed ecologico.
È possibile che sia stata creata una nuova tecnologia, in grado di raggiungere il desiderio ideale dei proprietari di animali domestici?



 Continua a leggere su http://ecologia-natura.blogspot.com/ per scoprire Curbicus, una soluzione compostabile pulita per la raccolta i rifiuti dei cani .

Che cos'è Curbicus?
Curbicus è una tecnologia in attesa di brevetto che elimina il "fattore sporco" nella gestione dei rifiuti di cane e aiuta a mantenere pulite le strade delle aree urbane. Le città sono piene zeppe di cani e quando ogni cane produce circa 275 libbre di feci all'anno in media e le persone non hanno un buon metodo per ripulire queste feci, queste città presentano un problema. Oltre ad essere disgustoso, i rifiuti di cane contengono batteri nocivi, come tigna, E. coli e Salmonella, che sono pericolosi e spiacevoli. A nessuno piace pestare una cacca di cane, ma a nessuno piace ripulirlo, motivo per cui Curbicus è la soluzione perfetta.

I padroni di animali domestici spesso evitano di raccogliere perché è sia disgustoso che scomodo portare in giro una borsa piena di feci. La mentalità è "se non raccolgo dopo il mio cane solo una volta, nessuno se ne accorgerà." Sì, se solo una persona di tanto in tanto scegliesse di non raccogliere dopo il proprio cane, allora non ci sarebbero problemi. Ma quando questa è la mentalità di molte persone in una grande città, si verifica il problema che tutti gli abitanti della città conoscono fin troppo bene: la cacca di cane in ogni singola strada. Anche quando le persone scelgono di raccogliere dopo i loro cani, usano spesso sacchetti di plastica, che come tutti sanno, sono estremamente dannosi per l'ambiente e non sono affatto ecologici. Tuttavia, la consapevolezza che i rifiuti di cani sono dannosi per l'ambiente non cambia il fatto che raccoglierli sia spiacevole e probabilmente non cambierà la mentalità di una grande percentuale di genitori animali domestici. Questo è il motivo per cui una qualche tecnologia che affronti questi problemi è necessaria per mantenere felici sia i proprietari di cani che gli abitanti delle città, nonché l'ambiente.

Cosa rende Curbicus diverso dai soliti sacchetti di plastica?
Curbicus è un dispositivo cilindrico compatto, del peso di 1,5 libbre, che può essere fissato a un guinzaglio o essere indossato sul polso del genitore. Contiene un piccolo meccanismo di aspirazione a batteria e sacchetti compostabili a chiusura automatica, che lo rendono un processo semplice con una sola mano e due passaggi. È facile da trasportare, facile da usare e ottimo per l'ambiente. Ora, i proprietari di cani non dovranno preoccuparsi di entrare in contatto con la cacca di cane e contribuiranno contemporaneamente a mantenere pulito il nostro pianeta, il che è estremamente importante con il drastico cambiamento climatico che si sta verificando. Curbicus potrebbe probabilmente essere l'innovazione del futuro, aiutando a salvare il pianeta, un cane alla volta.

lunedì 19 agosto 2019

13 consigli per risparmiare acqua e prepararsi alla crisi idrica

Prepararsi per la siccità. Non si sa mai quando un tale disastro potrà colpire. Perché la mancanza di acqua nel mondo è sicuramente una delle più grandi emergenze dell'ecologia.
Dal 2015, Cape Town sta attraversando la peggiore siccità del secolo. Il Brasile, dal 2014, sta affrontando una grave carenza idrica da 80 anni. Molte città dell'India non riescono a fornire acqua comunale adeguata, con Chennai che sta affrontando la peggiore siccità degli ultimi 74 anni.



Dai la colpa al riscaldamento globale, alle scarse precipitazioni e alla cattiva gestione delle risorse idriche. È necessario pianificare in anticipo rispetto al giorno zero quando è probabile che tutte le principali fonti d'acqua si secchino. Come risparmieresti acqua per il sostentamento in tali condizioni?

I tempi sono maturi da considerare prima della preparazione prima di affrontare il pericolo reale. Il progetto delle Nazioni Unite prevede che entro il 2050, quasi i 2/3 della popolazione mondiale saranno residenti urbani, creando una domanda di acqua senza precedenti. Con le risorse idriche non in espansione, sarà possibile affrontare questo problema?

Ecco alcuni consigli per risparmiare acqua per preparare una siccità:
Fortunatamente, il risparmio dell'acqua è l'unico modo possibile per combattere l'incombente crisi. Per prepararsi a una siccità, le misure dovrebbero essere prese non solo dalle autorità civili, ma anche dai civili, in modo da non vedere il Giorno Zero.

Ecco alcuni consigli utili:

Installare un sistema di raccolta dell'acqua piovana:



Questa è un'opzione abbastanza economica e ad alto rendimento per aiutarti a prepararti per una siccità molto avanti. La parte migliore è che puoi installarlo ovunque anche nel tuo balcone per risparmiare acqua per i giorni asciutti. Posizionalo in un luogo adatto per raccogliere direttamente le precipitazioni. L'acqua piovana è probabilmente sicura da bere. Ma è sempre consigliabile farlo filtrare prima di bere.

Raccogliere l'acqua dall'aria condizionata:
Prepararsi alla siccità non significa solo risparmiare acqua, ma anche riciclarla. Nelle estati calde, quando l'AC funziona completamente, posizionare un contenitore sotto il tubo di uscita dell'acqua. Lasciare che l'acqua si accumuli in piccole quantità che possono essere utilizzate per il lavaggio e la pulizia. Alla fine, sarai sorpreso di trovare la quantità di acqua raccolta.

Migliaia di litri d'acqua vengono sprecati attraverso tubi che perdono. A Città del Capo, il governo ha svolto un lavoro apprezzabile riparando le perdite nel suo sistema di approvvigionamento idrico e ha persino vinto riconoscimenti per questo. Dovresti fare la stessa cosa a casa. Fai riparare le perdite da un idraulico il prima possibile.

Pausa prima di scaricare l'acqua:
Durante gli sforzi per prepararsi alla siccità, controlla se l'acqua può essere riutilizzata o meno. Invece di drenare l'acqua usata, puoi usarla per innaffiare le piante d'appartamento o nei giardini o per altri scopi di pulizia. Puoi usarlo per lavare la tua auto o due ruote.

Acquista elettrodomestici ad alta efficienza idrica:

Una goccia d'acqua sprecata al secondo si traduce in 2700 litri di spreco d'acqua ogni anno. Per combattere la crisi idrica, è saggio investire in alcuni apparecchi ad alta efficienza idrica. Sostituire i rubinetti gocciolanti con rondelle. Installare soffioni o aeratori a basso flusso per limitare il flusso d'acqua. Prendi in considerazione l'installazione di servizi igienici e lavandini appositamente progettati che ti aiuteranno a conservare l'acqua.

Evitare inutili consumi d'acqua:
Smetti di comprare giochi d'acqua ricreativi che richiedono un flusso costante di acqua. In una nota simile, rimanda le fontane del giardino a meno che non venga utilizzata acqua riciclata allo scopo.



Riduci l'irrigazione del prato:
I prati generalmente necessitano di annaffiature una volta alla settimana. I prati eccessivamente umidi diventano spesso sprechi di lusso che non puoi permetterti. Se la siccità è imminente, potresti dover smettere di annaffiare il prato. Evitare di annaffiare in mezzo al sole splendente. La mattina presto e la sera sono i periodi più adatti per l'irrigazione. Questo è applicabile anche alle tue piante da giardino. Montare correttamente gli irrigatori in modo che l'acqua cada sul prato e non sul pavimento. Correggere i timer sugli irrigatori per evitare l'eccessivo assorbimento.

Cambia le tue abitudini in bagno:
Inconsapevolmente, invitiamo la crisi idrica attraverso le nostre abitudini. Per prepararci alla siccità, dobbiamo cambiarli presto.



Evitare lavaggi inutili di acqua.
Evita di fare il bagno a lungo o frequentemente durante il giorno. Fai invece le docce.
Non lasciare che l'acqua fuoriesca durante la rasatura, la spazzolatura o il lavaggio del viso. Questa è un'abitudine molto comune e una fonte primaria di spreco di acqua.

Ottimizza l'utilizzo dell'acqua in cucina:

La cottura e il lavaggio richiedono una quantità abbastanza grande di acqua. Anche questo può essere limitato.

Far funzionare la lavastoviglie a pieno carico con l'opzione "lavaggio leggero". Evitare il doppio risciacquo o lavare delicatamente gli utensili prima di caricarli in lavastoviglie.
Se il numero di stoviglie e utensili da lavare è piccolo, lavarli manualmente usando solo la quantità necessaria di sapone detergente. L'uso eccessivo di detergenti per piatti significa consumare più acqua del necessario.
Pulisci le verdure immergendole in una padella piena di acqua o in un utensile anziché metterle sotto l'acqua corrente del rubinetto.
Ottieni un Water BOB di grandi dimensioni per l'acqua potabile di emergenza:
Puoi organizzare un sacchetto di plastica sovradimensionato popolarmente noto come Water BOB per conservare l'acqua potabile in caso di emergenza. È probabile che questi contenitori siano disponibili in dimensioni da 100 o 200 galloni e possano essere facilmente inseriti nella vasca da bagno. Questa è un'ottima opzione di stoccaggio dell'acqua per gli abitanti delle città che non hanno abbastanza spazio per posizionare un contenitore di grandi dimensioni. L'acqua in questa borsa rimane potabile per 16 settimane.

Ricarica il livello dell'acqua sotterranea:
Questa è una procedura da molto tempo che puoi applicare al tuo giardino o prato per combattere la siccità.

Copri la terra nuda con ghiaia o scaglie di pietra. Ciò non solo previene l'erosione del suolo, ma aiuta anche nella ritenzione idrica. Le piante avranno bisogno di meno irrigazione.
Distribuire pacciame, foglie secche, giornali o erba o materiali di paglia sul terreno per consentire infiltrazioni d'acqua in profondità negli strati del suolo.
Crea sacchi di sabbia con i materiali di cui sopra e posizionali strategicamente per deviare l'acqua piovana dalle superfici in cemento al giardino. A tale scopo saranno utili sacchi per rifiuti di grandi dimensioni.
Aggiungi strati di pacciame intorno alle tue piante da giardino per aumentare la ritenzione idrica e rafforzare il sistema radicale. Impedirà alle piante di avvizzire durante la siccità.
Spike il prato o il terreno del giardino con forchette da giardino per consentire all'acqua di infiltrarsi nel terreno.
Diffondi il messaggio di conservazione dell'acqua e prevenzione degli sprechi nella tua comunità:
La crisi idrica non è mai un problema individuale. L'intera comunità viene colpita. È indispensabile che la comunità ne sia consapevole e si prepari alla siccità. I membri della comunità dell'area a rischio di siccità devono incontrarsi e discutere la politica di utilizzo dell'acqua. Dovrebbero essere organizzati sforzi per un uso efficiente dell'acqua per prevenire la situazione del giorno zero.

Campagne promozionali, pubblicità e misure precauzionali dovrebbero essere evidenziate attraverso mezzi elettronici, cartacei e digitali per creare consapevolezza di massa. Puoi anche fare appello all'ente civico locale per ottenere il controllo dell'impianto idraulico di ogni famiglia.

Ricorso alle leggi che controllano l'inquinamento delle acque:

Quando la siccità colpisce, l'inquinamento delle acque diventa una grande preoccupazione. L'uso improprio di corpi idrici locali come fiumi, stagni, laghi e bacini idrici può creare gravi problemi idrici. Per prepararsi a una siccità, è importante che il governo faccia rispettare alcune norme per l'utilizzo di fonti idriche primarie per prevenire la contaminazione.