lunedì 9 settembre 2019

Ecco come le aziende di e-scooter e e-bike potrebbero abbracciare l'economia circolare

La crescita della micromobilità - e-scooter ed e-bike che spuntano in giro per le città - ha un problema evidente. La breve durata (a volte solo un paio di mesi) degli scooter elettrici condivisi aumenta significativamente le loro emissioni medie e riduce i loro benefici ambientali.



Per una nuova modalità di trasporto che avrebbe il potenziale per ridurre l'uso e il traffico delle auto,  è estremamente deludente.

I ricercatori della North Carolina State University hanno condotto una valutazione del ciclo di vita degli e-scooter condivisi e hanno scoperto che quanto rispettano l'ambiente dipende in gran parte dalla loro durata, dal modo in cui sono realizzati e dalla modalità di trasporto che sostituiscono. Non sorprende che il più grande fattore che potrebbe ridurre le emissioni degli scooter condivisi sembra estendere la vita degli scooter da un paio di mesi a qualcosa di più simile a due anni.



Per affrontare questo problema, le aziende di scooter devono abbracciare il crescente movimento attorno all'economia circolare e lavorare con le loro catene di approvvigionamento per apportare cambiamenti significativi.


La maggior parte delle aziende produttrici di scooter raccolgono batterie e altri componenti costosi dagli scooter obsoleti, ma il sistema circolare per scooter potrebbe chiaramente essere ottimizzato.

Potresti aver sentito parlare del concetto di economia circolare attraverso un discorso dell'architetto e designer Bill McDonough o del marinaio in pensione Ellen MacArthur e della sua fondazione. Ma oggi, le aziende stanno sempre più adottando l'idea di ridisegnare i propri sistemi per ridurre gli sprechi e realizzare articoli e prodotti che durano più a lungo. Se fatto nel modo giusto, le aziende possono anche risparmiare denaro attingendo a flussi di rifiuti e o lanciando nuovi modelli di business.
Ad esempio, quest'estate alla nostra conferenza Circularity 19, Kate Brandt, Chief Chief Sustainability Officer di Google, ha svelato il nuovo piano di economia circolare (PDF) di Google, affermando: "Vogliamo una Google circolare in un mondo sostenibile ... Significa che l'intero sistema deve modificare." Gli sforzi includono la riprogettazione di come Google costruisce data center e campus aziendali, come produce elettronica di consumo e come nutre i dipendenti.

Ho chiacchierato con la nostra analista senior di economia circolare, Lauren Phipps, che dice "Nel complesso, quando un'azienda sta vendendo un servizio piuttosto che un prodotto, come un giro in scooter piuttosto che lo scooter stesso, dovrebbe (teoricamente) incentivare un design durevole e estensione della durata del prodotto ". Le aziende di scooter possono fare una varietà di cose per abbracciare la circolarità. Eccone quattro:

Progettare scooter per durare nel tempo: la maggior parte dei fornitori di scooter è stata inizialmente lanciata acquistando e gestendo scooter economici e di breve durata dell'azienda cinese Ninebot. Ma recentemente, alcune aziende di scooter, come Bird, hanno iniziato a progettare i propri scooter più robusti e con parti più resistenti. Bird afferma che il suo nuovo scooter Bird One può durare in un ambiente di condivisione per oltre un anno e l'azienda sta vendendo questo scooter per l'acquisto.

Progettare per durare nel mondo reale è la strada giusta da percorrere.

La tendenza della progettazione per la durabilità nel mondo reale è la strada giusta da percorrere. E quando le aziende raccolgono più dati dal funzionamento e dalla manutenzione di questi nuovi scooter più robusti, ciò consentirà alle generazioni future di durare più a lungo. Per le aziende di scooter che stanno ancora lavorando con i Ninebot e Xiaomis del mondo, è altrettanto importante collaborare con i fornitori per collaborare a un design più durevole.
Progettare scooter per riparazioni / ristrutturazioni: il passaggio successivo per scooter meglio progettati comprende anche la progettazione di scooter che possono essere smontati e riparati, in modo che il ciclo di vita del prodotto possa essere esteso più facilmente. La maggior parte delle aziende produttrici di scooter raccolgono batterie e altri componenti costosi dagli scooter obsoleti, ma il sistema circolare per scooter potrebbe chiaramente essere ottimizzato.

Software e informatica possono prolungare la vita degli scooter: poiché gli scooter creano una traccia di dati per le aziende e potenzialmente per le città, tutti quei dati possono essere utilizzati per sviluppare strumenti di intelligenza artificiale per estendere e ottimizzare la vita degli scooter. Uno strumento che abbiamo menzionato prima è Superpedestrian, fondato da Assaf Biderman, direttore associato del MIT Senseable City Laboratory. L'intelligenza artificiale della startup può aiutare gli scooter a proteggersi autonomamente dai guasti.



C'è anche solo così tanto tempo che una batteria per scooter può durare quando viene caricata e scaricata più e più volte. Dopo che una batteria è stata utilizzata per un po 'di tempo, inizia a degradarsi e mantiene una carica per meno tempo. Gli strumenti software possono aiutare a ottimizzare il processo di ricarica dello scooter per estendere i cicli di durata della batteria.

Scooter di design per la fine della vita: le foto dei cimiteri cinesi di bike sharing sono piuttosto inquietanti. Alcune città stanno spingendo le aziende di scooter a includere valutazioni del ciclo di vita e piani di riciclaggio nelle applicazioni urbane. Ma altrettanto importante è la progettazione di scooter che possano includere più facilmente il riciclaggio e lo smaltimento di tutte le parti in modo sostenibile.

Le aziende di scooter condivise devono adottare pratiche di economia circolare se vogliono sfruttare appieno il potenziale per rendere i trasporti più sostenibili. Senza questi sistemi circolari, le società di scooter potrebbero affrontare ancora più contraccolpi e vedere una minaccia alla loro licenza sociale per operare.

1 commento: