lunedì 16 settembre 2019

Ecco come si può risolvere il problema dello spreco alimentare del pianeta

All'inizio di agosto, il gruppo intergovernativo ONU sui cambiamenti climatici ha pubblicato un terribile rapporto che evidenzia l'enorme impatto ambientale dell'agricoltura. Ma il rapporto indicava anche un modo chiaro per nutrire più bocche senza causare più distruzione planetaria: possiamo smettere di sprecare cibo.



A livello globale, noi umani sperperiamo fino a un terzo del cibo che produciamo, secondo le Nazioni Unite. Lo lasciamo marcire in campi e frigoriferi. Lo abbattiamo perché è troppo brutto da vendere. Lo impiliamo in schermi di supermercati traboccanti dove alcuni sono inevitabilmente schiacciati. Tutto questo cibo non consumato richiedeva energia per produrre; se lo spreco alimentare fosse il suo paese, avrebbe la terza più alta impronta di carbonio sulla Terra, proprio dietro la Cina e gli Stati Uniti e appena prima dell'India. Questa è una dura realtà in un mondo in cui 821 milioni di persone non hanno abbastanza da mangiare.

La buona notizia è che non deve essere così. Siamo in grado di semplificare la catena di approvvigionamento per ridurre il cibo avariato e perduto e possiamo cambiare il modo in cui mangiamo a casa. Già, tecnologie semplici come migliori sacchi di stoccaggio stanno facendo la differenza, e sono in cantiere soluzioni più vincenti come le politiche nazionali che standardizzano le etichette degli alimenti.


Migliore imballaggio, trasporto e conservazione
Il cibo deve spostarsi rapidamente nel suo viaggio dalla fattoria alla tavola prima di rovinarsi. Per prolungarne la redditività, i paesi ricchi si affidano alla refrigerazione e alla cosiddetta "catena del freddo" dei camion e dei centri di distribuzione climatizzati. Questa non è un'opzione in gran parte dei paesi in via di sviluppo, quindi il cibo può marcire prima di raggiungere un mercato.

L'espansione dell'accesso alla refrigerazione è una soluzione ovvia, sebbene, come sottolinea Shelie Miller, ricercatrice per la sostenibilità dell'Università del Michigan, si presenta con dei compromessi perché la catena del freddo aspira così tanta energia. Le opzioni emergenti includono innovazioni come i frigoriferi ad energia solare del Progetto SolarChill, che sono attualmente utilizzati per conservare i vaccini nei centri medici in Kenya e Colombia.

Altre invenzioni eliminano completamente la refrigerazione convenzionale. Eric Verploegen, ingegnere di ricerca presso il D-Lab del MIT, un programma interdisciplinare incentrato sullo sviluppo sostenibile, ha contribuito a sviluppare dispositivi di raffreddamento per evaporazione per agricoltori e distributori su piccola scala in luoghi come il Mali e il Kenya. Questi dispositivi di raffreddamento possono essere semplici come due vasi di argilla nidificati con un po 'di sabbia bagnata nel mezzo. Man mano che l'acqua evapora, estrae calore dall'interno del contenitore, raffreddando il contenuto fino a 20 gradi Fahrenheit. Ciò può prolungare la durata di conservazione dei prodotti di diversi giorni, offrendo agli agricoltori più tempo per immettere sul mercato il loro cibo.

Mentre i cereali durano molto più a lungo, sono vulnerabili ai parassiti, motivo per cui un team della Purdue University ha reinventato l'umile custodia. I cosiddetti sacchetti PICS (Purdue Improved Crops Storage) sono tripli sigillati ed ermetici, il che significa che tutti gli insetti che si intrufolano accanto al mais o al miglio finiranno l'ossigeno molto prima che possano causare un'infestazione.

Da quando la Fondazione Bill e Melinda Gates ha iniziato a finanziare questo sforzo nel 2007, le borse si sono diffuse in quasi tre dozzine di paesi in Africa, Asia e America Latina. Il team manager di PICS Dieudonné Baributsa ha dichiarato che a febbraio 19,3 milioni di borse PICS erano state vendute in tutto il mondo, la maggior parte tra $ 2 e $ 3 ciascuna. Un agricoltore che utilizza un sacco da 100 kg per conservare i piselli raccoglierà in genere ulteriori $ 27 in vendite, ha osservato.

"Questa è una tecnologia che sta davvero avendo un impatto", ha detto Baributsa.

Nessuna di queste tecnologie è una panacea: ognuna affronta una piccola parte del problema. Ma un numero sufficiente di loro sommati potrebbe far calare quegli enormi numeri di perdita di cibo.

Mangiare o non mangiare
Nei paesi più ricchi, il più grande colpevole dei rifiuti alimentari è più facile da individuare: siamo noi.

Negli Stati Uniti, le persone buttano via circa 27 milioni di tonnellate di cibo all'anno, pari al 43% di tutti gli sprechi alimentari a livello nazionale. Nel Regno Unito, i rifiuti domestici rappresentano il 70 percento delle perdite oltre l'azienda agricola.

Cestinare il cibo succede per molte ragioni: compriamo troppo. Non lo usiamo in tempo. Dimentichiamo di mangiare gli avanzi. Per Liz Goodwin, direttore di Food Loss and Waste presso il World Resources Institute, tutto si riduce al fatto che il cibo è ora un oggetto da buttare. "Sappiamo che possiamo ottenere di più, quindi non importa", ha detto.

Aumentare la consapevolezza che lo spreco alimentare è importante può funzionare. L'iniziativa "Love Food Hate Waste" del Regno Unito, che Goodwin ha descritto come "l'unica campagna meglio valutata che esista", ha portato a una riduzione del 20% dei rifiuti alimentari domestici tra il 2007 e il 2012, ha affermato.

Un po 'sorprendentemente, i kit pasto possono anche aiutare a ridurre gli sprechi. Un recente studio condotto dal team di Miller nel Michigan ha dimostrato che i pasti preparati con ricette Blue Apron hanno comportato in media un terzo di emissioni di carbonio in meno rispetto agli stessi pasti preparati con ingredienti di drogheria. La differenza era in gran parte dovuta al fatto che il kit ha suddiviso gli ingredienti con molta attenzione, risultando in alimenti meno sprecati, che hanno più che compensato l'impatto climatico di tutto l'imballaggio extra.

"Abbiamo una grande comprensione dei rifiuti di plastica e degli imballaggi come importanti impatti ambientali, ma per qualsiasi motivo non abbiamo la stessa idea associata al cibo", ha affermato Miller.

Anche la standardizzazione delle etichette delle date potrebbe fare la differenza. Sono diventati comuni negli anni '70 come indicatore della qualità del cibo, ma molti di noi oggi credono erroneamente che, una volta superata la data di "vendita entro", il cibo sia guastato. In realtà, queste date sono spesso una stima arbitraria del produttore di quando il cibo avrà un sapore più fresco - e diversi stati hanno standard diversi. Il risultato è che buttiamo fuori un sacco di cibo che è ancora buono da mangiare, secondo Emily Broad Leib, direttrice della Food and Policy Clinic della Harvard Law School.

Il 1 ° agosto, i legislatori del Congresso USA hanno presentato un disegno di legge bipartisan sostenuto dall'industria alimentare per creare due etichette standard. In base allo schema proposto, le aziende avrebbero la possibilità di etichettare gli alimenti con una data "migliore se utilizzata entro" per indicare il picco di freschezza e una data "uso entro" se gli alimenti devono essere eliminati ad un certo punto per motivi di sicurezza, ha spiegato JoAnne Berkenkamp, avvocato senior presso il Consiglio di difesa delle risorse naturali.

Se il disegno di legge diventasse legge, l'implementazione degli standard nazionali sarebbe accompagnata da una campagna educativa di massa in modo che gli americani possano smettere inutilmente di gettare così tanto cibo nella spazzatura. "Le persone sono confuse sul significato di questi termini", ha detto Berkenkamp. "La loro razionalizzazione ha il potenziale per aiutare i consumatori a fare scelte molto migliori".

Mettere i rifiuti al lavoro
C'è molto che possiamo fare per ridurre lo spreco alimentare, anche se è improbabile che lo elimineremo mai del tutto. Ma possiamo assolutamente smettere di inviare rifiuti alimentari in discarica, dove emette il potente gas metano della serra mentre si decompone.

Il compostaggio è un'alternativa. Gli americani hanno inviato 2,1 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari ai compositori nel 2015. Ma con altri 30 milioni di tonnellate che entrano in discarica nello stesso anno, c'è molto margine di miglioramento. Le leggi che mantengono il cibo fuori dalle discariche possono aiutare, ha affermato Calla Rose Ostrander, consulente ambientale che ha spinto per il passaggio di SB-1383, un disegno di legge della California che dirotterà la maggior parte dei rifiuti organici dalle discariche entro il 2025. I regolamenti del Massachusetts emanati nel 2014 stipulano le imprese non è possibile inviare più di una tonnellata di rifiuti organici in discarica a settimana.

I rifiuti alimentari vengono anche utilizzati per produrre carburante attraverso il processo microbico di digestione anaerobica. La società britannica Biogen, ad esempio, ha 13 impianti di digestione anaerobica che producono circa 25 megawatt di elettricità per la rete nazionale, abbastanza per alimentare una piccola città. E le nuove tecnologie di termovalorizzazione sono in lavorazione. La scorsa settimana, la startup Electro-Active Technologies ha annunciato i brevetti per un bioreattore che utilizza microbi per convertire i rifiuti alimentari in idrogeno gassoso rinnovabile.

Mentre è ancora agli albori, il cofondatore e l'ingegnere chimico dell'Università del Tennessee Abhijeet Borole ha dichiarato che la società punta a iniziare a testare un reattore pilota entro la fine del 2020 in grado di convertire i rifiuti alimentari da un partner commerciale in combustibile. Potrebbe passare un po 'di tempo prima che riforniamo di carburante le nostre auto a idrogeno con energia prodotta da patate putrescenti. "Niente di simile esiste là fuori", ha detto Borole. "Ci sono sicuramente delle sfide per arrivare su una scala più ampia."

E la verità è quando si tratta di spreco alimentare, la tecnologia va solo così lontano. Gli agricoltori possono semplicemente scegliere di non raccogliere se non ottengono un buon prezzo, secondo Rob Vos dell'International Food Policy Research Institute. Questo è il motivo per cui Vos sottolinea "lo sviluppo della catena del valore alimentare in generale", assicurandosi che ogni passo lungo la catena di approvvigionamento da fattoria a tavola sia redditizio, dalla raccolta nei campi alla spedizione nei mercati per la vendita. In pratica, sembreranno molti interventi e politiche tecnologici messi insieme.

In definitiva, dobbiamo trattare il cibo come il bene prezioso che è. Perché se una cosa è chiara dal nuovo rapporto delle Nazioni Unite, è che quando sprechiamo cibo, il pianeta ne risente.

1 commento: